Comitato pendolari, sabato sit in per per il ripristino della rete ferroviaria Catania-Caltagirone-Gela

A tre anni di distanza dal crollo delle arcate del ponte ferroviario, in contrada Angeli di Niscemi, della tratta ferroviaria Caltagirone-Gela. Il Comitato Pendolari Siciliani unitamente al C.I.U.Fe.R (Comitato Italiano Utenti Ferrovie Regionali) e all’Associazione Ferrovie Siciliane organizza sui luoghi del crollo un sit-in per fare il punto sulla situazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Sit-in, sabato 10 maggio 2014 dalle ore 10.30 alle 12.00, per il ripristino delle infrastrutture e della circolazione ferroviaria sulla Catania-Caltagirone-Gela a tre anni dal crollo del ponte ferroviario in contrada Angeli di Niscemi.

A tre anni di distanza dal crollo delle arcate del ponte ferroviario, in contrada Angeli di Niscemi, della tratta ferroviaria Caltagirone-Gela. Il Comitato Pendolari Siciliani unitamente al C.I.U.Fe.R (Comitato Italiano Utenti Ferrovie Regionali) e all’Associazione Ferrovie Siciliane organizza sui luoghi del crollo un sit-in per fare il punto sulla situazione ferroviaria della Caltagirone-Gela. L’appuntamento dell’iniziativa è alla stazione ferroviaria di Caltagirone alle ore 10.00, per poi spostarci nei luoghi del crollo del ponte ferroviario sulla Sp. 39 per Niscemi in contrada Angeli.

All’iniziativa programmata dal Comitato Pendolari Siciliani sono stati invitati il Presidente della regione, l’assessore regionale ed il dirigente generale alle infrastrutture e mobilità, il direttore di Rfi e i sindaci di Caltagirone, Gela e Niscemi. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento