menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il comando dei carabinieri ricorda le vittime di Nassiriya

I vertici del comando provinciale hanno voluto far visita ai cimiteri di Catania e Biancavilla per rendere onore all’appuntato Horacio Majorana ed al maresciallo aiutante Massimiliano Bruno

Il 12 novembre 2003 presso la caserma “Maestrale” di Nassiriya, ha avuto luogo uno dei più gravi attentati mai avvenuti in Iraq, dove hanno perso la vita 17 militari e 2 civili italiani. Il conflitto iracheno era già ufficialmente concluso sei mesi prima e l’Italia contribuiva con la missione di peacekeeping “Antica Babilonia” alla rinascita dell’Iraq, dilaniato dal conflitto. I due kamikaze sono entrati in azione alle ore 10 e 40, alla guida di un camion imbottito di esplosivo. Il carabiniere Andrea Filippa, di guardia all’ingresso, riuscì ad uccidere i due impedendo che il mezzo esplodesse all’interno della base, provocando ancora più vittime. Sono passati 17 anni da quel tragico giorno della nostra storia recente, divenuto per volere parlamentare “giornata della memoria per i caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace”.

Nonostante l’emergenza epidemiologica in atto, nel pieno rispetto della normativa anti- Covid, anche quest’anno le vittime sono state ricordate dai vertici del comando provinciale dei carabinieri di Catania, che hanno voluto far visita ai cimiteri di Catania e Biancavilla per rendere onore all’appuntato Horacio Majorana ed al maresciallo aiutante Massimiliano Bruno, deponendo sulle loro lapidi due cuscini di fiori a nome di tutta l’Arma dei carabinieri. Il breve momento di raccoglimento si è svolto alla presenza del cappellano militare capo della base di Sigonella, Don Paolo Solidoro, e dei familiari delle vittime.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento