Più controlli per i proprietari di animali che sporcano le strade

Tale obbligo va rispettato anche nelle due aree attrezzate, cosiddette "aree di sgambamento" di Parco Teresa di Calcutta e Parco Gioeni, aperte tutti i giorni, compresi i festivi, dalle ore 7 alle 21

L'assessore all'Ambiente Carmencita Santagati ha disposto di intensificare i controlli nei confronti di proprietari di animali che non rispettano il regolamento comunale che obbliga tutti i cittadini a raccogliere gli escrementi lasciati dai propri animali.

Tale obbligo va rispettato anche nelle due aree attrezzate, cosiddette "aree di sgambamento" di Parco Teresa di Calcutta e Parco Gioeni, aperte tutti i giorni, compresi i festivi, dalle ore 7 alle 21. Sono esentati i non vedenti accompagnati da cani guida e particolari categorie di portatori di handicap impossibilitati alla raccolta degli escrementi. La multa prevista per i trasgressori e di 50 euro.

"Raccogliere le deiezioni canine in un sacchetto e depositarle nel più vicino cassonetto di indifferenziata - ricorda l'assessore Santagati-è un gesto di civiltà che aiuta anche a superare ogni forma di intolleranza verso la presenza degli amici a quattro zampe".
"La raccolta degli escrementi dei propri animali è doverosa - aggiunge Santagati-sia per ragioni di decoro che di igiene, infatti batteri e parassiti contenuti nelle feci possono trasmettere malattie infettive".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento