Comune e Inpdap siglano protocollo per assistenza domiciliare anziani

Presentato a Palazzo degli Elefanti il progetto di assistenza domiciliare agli anziani "Home Care Premium Catania"

Il progetto di assistenza domiciliare agli anziani “Home Care Premium Catania”, concepito in collaborazione tra l'INPDAP e la Direzione comunale Politiche Sociali e per la Famiglia del Comune di Catania è stato presentato a Palazzo degli Elefanti alla presenza del Sindaco Raffaele Stancanelli, dell’Assessore Carlo Pennisi, del Direttore dell’Assessorato Politiche Sociali Corrado Persico, del Direttore dell’Inpdap Sicilia Dott.ssa Maria Sciarrino e di quello di Catania Diana Artuso delle Rappresentanze Sindacali del settore del pubblico impiego di CGIL CISL UIL e UGL.

Il protocollo d'intesa ha dichiarato il Sindaco Stancanelliprevede un finanziamento erogato dall’INPDAP per un importo complessivo di 489.000,00 euro. Il Comune, in aggiunta, comparteciperà all’iniziativa con un ulteriore cofinanziamento del 10% anche per garantire livelli adeguati di promozione e diffusione della iniziativa e lo Sportello Unico di accesso che verrà allestito all’interno della Direzione Politiche Sociali e per la Famiglia”.

L’iniziativa garantisce ai cittadini residenti nel Comune di Catania, assistiti INPDAP, anziani e/o non autosufficienti un servizio personalizzato di assistenza domiciliare per la durata di un anno. Nell’ambito delle prestazioni domiciliari sono previste attività connesse all’igiene ordinaria della casa e personale, alla preparazione e somministrazione dei pasti, al controllo e alla sorveglianza del riposo, al bagno assistito in vasca o doccia, spugnature persone allettate, aiuto per la spesa e piccole commissioni, gestione del domicilio, accompagnamento esterno, sostegno sociale e psicologico.

Per ciascun soggetto avente diritto il Servizio Sociale Comunale elabora un Piano di Assistenza Individuale che si compone d’interventi e prestazioni di durata e intensità variabile con l’obiettivo di favorire il mantenimento di un adeguato tessuto assistenziale e relazionale. Sul progetto di assistenza individuale (PAI) ricadono prestazioni sociali, assistenziali e alberghiere per un importo annuo pro capite massimo di 5.400,00 euro per assistito.

L’innovatività del progetto - ha affermato l’Assessore Carlo Pennisi - risiede nella possibilità di personalizzare il servizio, di integrare le prestazioni domiciliari con servizi di prossimità e vicinato, elemento che ci permette di fare un passo avanti in tema di sussidiarietà. L’obiettivo è ampliare la platea delle famiglie destinatarie di servizi socio-assistenziali, ad un coinvolgimento dei care giver familiari che potranno ricevere una formazione mirata ed ai quali potrà essere riconosciuto attraverso i Buoni Lavoro INPS un rimborso per l’attività di assistenza svolta”.

Il progetto che è ufficialmente partito con la firma della convenzione tra l’INPDAP e il Comune di Catania –ha detto la responsabile siciliana dell’Inpdap Maria Sciarrino- è stato selezionato sia per l’impostazione flessibile e modulata in modo da tenere conto delle esigenze e dei bisogni dell’assistito e del suo nucleo familiare, sia perché punta esplicitamente a promuovere sinergie con altri strumenti di welfare istituzionale, nell’ottica di una sussidiarietà dell’intervento, di reti in grado di rispondere in termini di adeguatezza e qualità ai bisogni della persona che si trova in condizioni di fragilità”.

L’iniziativa coinvolgerà circa un centinaio di assistiti Inpdap catanesi che saranno individuati attraverso un avviso pubblico condiviso tra i due Enti da pubblicare entro fine mese. A beneficiare dei servizi saranno soggetti adulti dipendenti pubblici e pensionati Inpdap non autosufficienti e i loro coniugi e i familiari entro il primo grado di parentela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento