Il Comune torna in possesso dell’ex monastero dei Padri Crociferi

Lo storico edificio, costruito tra il 1771 e il 1780 su progetto di Francesco Battaglia e che per oltre un secolo fu un importante punto di riferimento dei Padri Crociferi, verrà immediatamente sottoposto a lavori di ristrutturazione e riqualificazione

Il Comune di Catania ritorna in possesso dell’ex monastero dei Padri Crociferi lasciato libero dalla Cisl, dopo oltre sessanta anni.

Proprio ieri, infatti, la giunta comunale presieduta dal sindaco Stancanelli ha deliberato l’atto di transazione con un ulteriore versamento di 271 mila euro nelle casse comunali per chiudere un vecchio contenzioso con la Cisl, che d'intesa con l'amministrazione comunale lascerà immediatamente liberi i locali dell’ex  monastero dei Padri Crociferi.  

Lo storico edificio, costruito tra il 1771 e il 1780 su progetto di Francesco Battaglia e che per oltre un secolo fu un importante punto di riferimento dei Padri Crociferi, verrà immediatamente sottoposto a lavori di ristrutturazione e riqualificazione grazie a un progetto del Comune finanziato coi fondi della protezione civile regionale.

Nel corso dell’incontro il sindaco Stancanelli annunzierà, inoltre, l’adozione di nuovi provvedimenti per la mobilità cittadina nella parte di via Crociferi compresa tra villa Cerami e via Antonino di Sangiuliano dove ricade l’immobile.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento