Comune, programma europeo Urbact Prevent di prevenzione dell’abbandono scolastico

Firmato a L’Aia il protocollo di cooperazione tra le città europee per raggiungere gli obiettivi della strategia Europa 2020

Il Comune di Catania ha sottoscritto la dichiarazione europea Prevent che ha come obiettivo principale la prevenzione dell'abbandono scolastico.  L’adesione, avvenuta nel corso di una riunione transnazionale nei giorni scorsi nei Paesi Bassi, a L'Aia, è finalizzata ad  affrontare  un fenomeno complesso che richiede forte impegno politico e un approccio intersettoriale a livello locale . Il programma URBACT Prevent, in particolare, offre una piattaforma di cooperazione tra  le città europee per  raggiungere gli obiettivi della strategia Europa 2020, che prevedono la riduzione dell'abbandono scolastico a meno del 10 per cento entro la fine del 2020 . L’Amministrazione comunale guidata da Enzo Bianco intende dare nuovo impulso a queste attività in una rafforzata prospettiva di innovazione e modernizzazione.

Con questo obiettivo, poco prima della riunione nella città olandese , si era svolta a Catania, nella sede dell'assessorato all’Armonia Sociale e Welfare retto da Fiorentino Trojano, una conferenza di servizio intersettoriale. La riunione, guidata dal direttore dei Servizi Sociali Corrado Persico con il supporto di Davide Crimi dell'Ufficio Politiche Comunitarie, ha riavviato  la partecipazione della nostra città come partner della rete Urbact Prevent, di cui fanno parte anche Nantes, Sofia, L'Aia, Stoccolma, Gijon, Monaco, Riga, Usti and Labem, Anversa e Tallinn. Per questo scopo si è rinnovato il  Gruppo di Supporto Locale Urbact (ULSG) a cui partecipano i rappresentanti delle direzioni comunali  che possono attivare azioni utili alla prevenzione della dispersione scolastica anche attraverso il coinvolgimento delle famiglie dei bambini, e con riflessi speciali per la cooperazione con le best practices messe in atto dalla città di Sofia in relazione ai Rom per le quali Catania applicherà una interpretazione estensiva con riferimento a tutti gli immigrati.

Per questo nel corso della riunione sono state individuate le attività di primario interesse e i  referenti per materia. Il coordinamento del progetto è stato affidato a Elena Ragusa , presidente della XII commissione consiliare  Pari Opportunità e Pace che, come referente incaricato del coordinamento  locale curerà anche il coinvolgimento al progetto delle organizzazioni della società civile.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento