Comune risponde all'Enpa: "Nessuna sospensione per il servizio ai randagi"

L'Ufficio di Gabinetto del Comune di Catania, commentando le dichiarazioni dell'Enpa a proposito di una comunicazione che interromperebbe il servizio "di cattura, ricovero e mantenimento in vita dei cani randagi"

L'Ufficio di Gabinetto del Comune di Catania, commentando le dichiarazioni dell'Enpa a proposito di una comunicazione che interromperebbe il servizio "di cattura, ricovero e mantenimento in vita dei cani randagi", in una nota afferma che "non vi può essere alcuna sospensione del servizio comunale, che rappresenta un obbligo di legge. Sarà dunque avviata una rapida indagine interna per accertare come si siano svolte le cose e poi saranno presi provvedimenti".

"Per quanto riguarda invece - prosegue la nota - la sospensione del Pronto soccorso per i randagi, si ricorda all'Enpa che questa riguarda l'Asp veterinaria. L'Ufficio di gabinetto, peraltro, ha contattato ieri, non appena ricevuta la notizia, i vertici dell'Asp ricevendo assicurazione che il servizio, interrotto momentaneamente a causa di una carenza di presidi sanitari, riprendera' lunedi' 3".

A seguito di un ulteriore comunicato dell’Enpa sulla presunta interruzione del servizio "di cattura, ricovero e mantenimento in vita dei cani randagi", l'Ufficio di Gabinetto del Comune di Catania, ha ribadito con una nota che, così come sottolineato già ieri, che "non vi può essere alcuna sospensione del servizio comunale e se dunque un funzionario – continua la nota – ha firmato dei provvedimenti che vanno contro quel che prevede la legge, se ne assumerà la responsabilità"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento