Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Comune concede alla SRR un'area di Pantano d'Arci per la gestione dei rifiuti

Si tratta di un’area vicina a quella dove è attualmente l’autoparco comunale e i relativi uffici e capannoni

Un nuovo sito per l’impiantistica del trattamento rifiuti della Srr, la società per la regolamentazione dei rifiuti del bacino di Catania e dell’Area Metropolitana. La concessione di un immobile destinato a questo scopo è stata deliberata nell’ultima seduta della giunta Pogliese.

La decisione, che andrà quanto prima al vaglio del Consiglio comunale, segue la richiesta del direttore Generale del Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti che, in una nota a tutti i Comuni soci, evidenziava la necessità di avere un sito idoneo nel quale localizzare e avviare, con un’impiantistica idonea, il trattamento dei rifiuti, così come delineato nel Piano D’Ambito.

Il sito individuato è quello di Pantano D’Arci, in un’area vicina a quella dove è attualmente l’Autoparco comunale e i relativi uffici e capannoni. L’area che appartiene al patrimonio indisponibile dell’Ente  è attualmente in disuso e carente di manutenzione ma può essere inserito tra i beni comunali suscettibili di valorizzazione anche attraverso una concessione pluriennale, come previsto dalle disposizioni di legge ( L.133/2008).

In tal modo un sito attualmente inutilizzato e deteriorato, con costi di ristrutturazione attualmente non compatibili con la situazione economica del Comune, sarà recuperato ad un uso utile alla collettività e in particolare per la realizzazione di un impianto “ di digestione anaerobica” della frazione organica dei rifiuti.

Insieme al recupero del patrimonio immobiliare si faciliterà così il raggiungimento degli obiettivi comunitari in termini di raccolta differenziata si andranno ad abbattere una parte ingente dei costi relativi alla gestione del ciclo dei rifiuti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune concede alla SRR un'area di Pantano d'Arci per la gestione dei rifiuti

CataniaToday è in caricamento