Comune di Trecastagni sciolto per infiltrazioni mafiose, il Sindaco: "Valuteremo il ricorso"

Lo afferma Giovanni Barbagallo, che aggiunge: "Nessun componente degli organi elettivi è coinvolto nella cosiddetta inchiesta giudiziaria 'Gorgoni'"

"Con riferimento al comunicato del Consiglio dei Ministri riguardante lo scioglimento del Consiglio Comunale di Trecastagni 'per ingerenza da parte della criminalità organizzata' desideriamo sottolineare che la Giunta e il Consiglio Comunale hanno sempre operato con rigore morale e trasparenza".

Lo afferma in una nota il sindaco di Trecastagni Giovanni Barbagallo, che aggiunge: "Nessun componente degli organi elettivi è coinvolto nella cosiddetta inchiesta giudiziaria 'Gorgoni'".

"Abbiamo svolto il nostro mandato - continua Barbagallo - senza mai pensare al beneficio personale: il nostro impegno è stato finalizzato esclusivamente al compimento di un buon servizio per la comunità. Abbiamo lavorato per eliminare gli sprechi e le clientele e non c'è mai stata nessuna distrazione nei confronti della cultura della legalità. Abbiamo piena fiducia nel lavoro della Magistratura, del Prefetto, del Ministro dell'Interno e di tutte le Forze dell'Ordine ma valuteremo l'opportunità di presentare ricorso per salvaguardare l'immagine e il buon nome della nostra città"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento