Comune di Viagrande: avvisi urgenti tramite messaggio vocale

"È uno strumento che consente di avvertire la cittadinanza in maniera rapida ed efficace evitando disagi e riducendo i rischi" ha detto il Sindaco

Dagli avvisi di allerta meteo, alle comunicazioni relative alle chiusura delle scuole. A Viagrande le informazioni urgenti e di Protezione Civile vengono fornite ai cittadini via telefono ed in tempo reale. L’amministrazione comunale è stata una delle prime della provincia ad implementare, sin dal 2014, un innovativo sistema di comunicazione che consente di inviare un messaggio vocale alle utenze telefoniche, di rete fissa e mobile. Il funzionamento è semplice e veloce.

“Basta un computer per collegarsi al sistema, registrare il messaggio vocale ed inviarlo ai cittadini che lo ricevono in tempo reale” spiega l’assessore alla Protezione Civile, Carmelo Gatto. La nota vocale viene inviata alle utenze telefoniche fisse e mobili presenti nel database, raggiungendo con immediatezza i destinatari. “È uno strumento che consente di avvertire la cittadinanza in maniera rapida ed efficace evitando disagi e riducendo i rischi, a partire dalla comunicazione dei provvedimenti di chiusura delle scuole adottati in occasione delle allerte meteo” afferma il Sindaco di Viagrande, Francesco Leonardi. Complessivamente sono circa 1300 i recapiti telefonici inseriti, numero che è in costante crescita. L’inserimento del database dei numeri di telefonia mobile va effettuato con domanda da inoltrare ai competenti uffici comunali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento