Comuni esclusi da incassi dei beni culturali, Bianco: "Occorre rimediare e fare squadra"

Così il sindaco di Catania Enzo Bianco, che è anche presidente del Cunes, il Comitato dei Comuni Unesco siciliani, ha commentato la notizia della proposta del governo regionale di escludere i Comuni dagli incassi dei siti culturali

"Occorre rimediare ad una decisione che non aiuta di certo la gestione dei beni culturali. I comuni possono e devono essere protagonisti di un settore fondamentale per la Sicilia". Così il sindaco di Catania Enzo Bianco, che è anche presidente del Cunes, il Comitato dei Comuni Unesco siciliani, ha commentato la notizia della proposta del governo regionale di escludere i Comuni dagli incassi dei siti culturali.

"Una decisione simile - ha detto Bianco - contraddirebbe le indicazioni nazionali ed europee ormai consolidate in questo settore e andrebbe nel senso opposto rispetto al lavoro fatto finora di concerto con la Regione e che ha consentito di rimettere faticosamente in piedi, proprio con l'aiuto dei Comuni, molti siti culturali siciliani che negli anni hanno registrato numerosi problemi. La causa è spesso proprio la burocrazia e quella centralizzazione che dobbiamo superare: la regione deve essere un ente che si occupa più di legiferare e programmare, meno di gestire e amministrare. Occorre evitare che molte scelte vengano prese dall'alto da persone che non conoscono il territorio come spesso accaduto per la gestione del nostro importante patrimonio di beni culturali. A Catania, ad esempio, regione e comune stanno lavorando insieme per migliorare la fruizione dell'anfiteatro di piazza Stesicoro e del Teatro greco, con buone prospettive".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sui Comuni - ha spiegato il sindaco di Catania, che è anche presidente del Consiglio nazionale dell'Anci - ricadono molti degli oneri riguardanti l'accoglienza dei turisti, ossia i fruitori dei siti culturali: dalla segnaletica agli infopoint, dal traffico alla raccolta dei rifiuti, dal controllo del territorio alla gestione della sicurezza dei visitatori. L'aver fatto squadra con i Comuni sta già portando alla Regione risultati immediati e tangibili anche in termini economici. Ecco perché siamo certi che questa decisione verrà valutata attentamente e rimodulata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento