Comunità Sant'Egidio, i richiedenti asilo fanno compagnia agli anziani

Amici che incontrano amici, non neri con bianchi o bianchi con neri, non immigrati e residenti, ma persone che stanno insieme ad altre persone. È questo lo spirito che alberga nella comunità di Sant'Egidio a Catania

Amici che incontrano amici, non neri con bianchi o bianchi con neri, non immigrati e residenti, ma persone che stanno insieme ad altre persone. È questo lo spirito che alberga nella comunità di Sant'Egidio a Catania, dove, grazie alla mediazione dei volontari, i richiedenti asilo passano i pomeriggi con gli anziani ospiti del centro, facendo trascorrere loro qualche ora piacevole in compagnia, aiutandoli a combattere la noia e la solitudine. ( GUARDA IL VIDEO)

"Gli anziani - spiega Myriam, una volontaria - grazie alla presenza di questi migranti, che ormai noi chiamiamo 'nuovi europei', imparano tanto, soprattutto ad avere uno sguardo nuovo su questa città, perché imparano anche ad accogliere".

"C'è una grande similitudine - spiega Piero Giglio - spesso c'è una mancanza di senso e delle giornate che passano senza una visita, senza poter fare niente. É la situazione di tanti anziani parcheggiati negli istituti, dove le giornate sono tutte uguali ed è un po' la vita al 'Cara' di Mineo, dove tanti giovani aspettano una risposta alla loro domanda di protezione internazionale per giorni, settimane, mesi e anni senza fare assolutamente niente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i 50 migranti volontari a Sant'Egidio c'è Enok, un pastore protestante."Ci accolgono - spiega - ci danno un posto, da dove vengo non è così. Ci mostrano amore, solidarietà, pace, ci fanno sentire essere umani al pari di loro".Enok e gli altri immigrati una o due volte alla settimana trascorrono diverse ore con gli anziani della comunità, a volte passano la notte in un alloggio del centro, poi riprendono l'autobus e tornano nel centro d'accoglienza, ad aspettare che anche per la legge oltre che nei fatti, possano diventare "nuovi europei".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento