Conclusa la stagione sciistica sull’Etna: carabinieri impegnati in numerosi interventi di soccorso

Con la chiusura della stagione sciistica sull'Etna è terminato il servizio dei Carabinieri sciatori della Stazione di Linguaglossa. Per più di 4 mesi, nelle giornate di maggiore afflusso, con la loro opera hanno garantito una importante opera di soccorso e vigilanza

Con la chiusura della stagione sciistica sull’Etna è terminato il servizio dei Carabinieri sciatori della Stazione di Linguaglossa. Per più di 4 mesi, nelle giornate di maggiore afflusso, con la loro opera hanno garantito una importante opera di soccorso e vigilanza.

"Sono Carabinieri impegnati a garantire giornalmente la sicurezza di tutti gli appassionati di sport invernali, vigilando sul rispetto delle regole di sicurezza, intervenendo su incidenti e infortuni per ricostruirne la dinamica ed accertare responsabilità civili e penali, nonché prestando opera di soccorso e salvataggio: si tratta di personale qualificato, le cui competenze e capacità si differenziano da quelle dei Carabinieri impiegati nei generici servizi di vigilanza in località turistiche invernali.

Presso il “Centro Carabinieri addestramento alpino” di Selva di Val Gardena (BZ), i Carabinieri sciatori effettuano una progressione di corsi, tra i quali un “corso integrativo e di abilitazione al servizio di soccorso sulle piste” e un “corso sciistico di qualificazione”. I corsi comprendono istruzioni di tecnica sciistica, istruzioni pratiche sul primo intervento in favore di infortunati e sull'uso dei mezzi per trasportare a valle gli stessi, nonché istruzioni teoriche di pronto soccorso svolte da un traumatologo. Le specializzazioni conseguite consentono ai carabinieri sciatori di agire con piena competenza in caso di infortuni, di intervenire per evitare ulteriori danni al ferito, di prestargli le prime cure ed accompagnarlo o trasportarlo al posto di pronto soccorso.

Oltre ai numerosi interventi di soccorso garantiti a sfortunati sciatori che si sono infortunati durante l’attività, i militari hanno vigilato sul corretto esercizio della professione di “Maestro di Sci”, rilevando e contestando una infrazione dei regolamenti di settore, garantendo il rispetto del regolamento d’uso degli impianti, vigilando sul comportamento in pista, evitando spiacevoli incidenti. Talvolta, la loro presenza è stata utile anche per un semplice ausilio a sciatori in difficoltà. In una occasione, in collaborazione con il personale della Polizia di Stato, hanno tratto in arresto un latitante, sottoposto a controllo per comportamento scorretto in pista".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Coronavirus, in Sicilia 1.913 nuovi casi e 40 morti: a Catania +486 contagi

Torna su
CataniaToday è in caricamento