Concorso Guide dell’Etna, Foti (M5s): "La Regione intervenga sulle presunte irregolarità"

A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Angela Foti, che con una interrogazione, denuncia al Governo regionale, le presunte irregolarità sul bando

“Un corso di abilitazione per guide vulcanologiche sulle quali penderebbero irregolarità e parentopoli. In Sicilia, anche per fare la guida dell’Etna pare sia necessaria la raccomandazione. La presidenza della Regione Siciliana e l’assessorato al Turismo, prendano i necessari provvedimenti, per le presunte irregolarità, denunciate anche con esposti alla magistratura, sul bando-corso per Guide Vulcanologiche dell’Etna”.

A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Angela Foti, che con una interrogazione, denuncia al Governo regionale, le presunte irregolarità sul bando- corso per Guide Vulcanologiche svolto alcune settimane addietro, sul quale pendono le denunce dei partecipanti esclusi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il Collegio Regionale delle Guide Alpine e Vulcanologiche della Sicilia - spiega Angela Foti - è disciplinato da un’apposita legge nazionale. Tra il 2016 e il 2017 la Regione Siciliana, tramite l’assessorato al Turismo, ha emanato due bandi/corsi per il conseguimento dell’abilitazione alla professione di Guida Vulcanologica. Ebbene, da numerose segnalazioni e da fonti di stampa, è emerso che su quel concorso, pendono possibili irregolarità, mancanza di trasparenza e par condicio che riguardano le prove che è a tutti gli effetti un concorso pubblico costato peraltro 250 euro a ciascuno dei 104 partecipanti. A questo punto - sottolinea Foti - sarebbe auspicabile che la Regione costituisca una Commissione di Indagine con la sospensione degli esiti delle prove, per fare luce sulle circostanze denunciate. La Regione Siciliana - conclude Foti - sia garante della imparzialità della Pubblica Amministrazione, a difesa dei diritti e delle legittime aspettative di tutti i cittadini siciliani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento