Concorso truccato all’università di Catania: “Finalmente giustizia è fatta”

La nota della deputata del Movimento 5 stelle Simona Suriano

Esprime soddisfazione la deputata del Movimento Cinque Stelle Simona Suriano in merito al recente epilogo giudiziario relativo a un concorso truccato denunciato dal ricercatore vittoriese Giambattista Sciré. Quest’ultimo, nel lontano 2011, ha ingaggiato una battaglia giudiziaria che gli ha dato ragione. I tre membri della commissione d'esame sono stati condannati per abuso d’ufficio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dopo otto anni la giustizia ha dato pienamente ragione a Giambattista Scirè. Di questo non possiamo che esserne felici. Ma, al contempo, ci rattrista sapere che in questo Paese – dentro istituzioni come le università – possano accadere simili episodi. Ci rattrista sapere che chi ha titoli, competenze, pubblicazioni all’attivo venga scavalcato in maniera illegittima. Un plauso va alla tenacia di Giambattista che ha lottato con la schiena dritta per tutti questi anni e ha dimostrato di credere nella giustizia e nel merito. Con la sua associazione “Trasparenza e Merito” sta portando avanti un lavoro incredibile che non può non essere sostenuto”, ha commentato Suriano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, a perdere la vita un motociclista di 39 anni

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Incidente lungo il viale Mediterraneo: perde la vita un motociclista

  • Spaccio di cocaina, in manette vigile urbano che girava in "Porsche"

  • Operazione "Malupassu", gli imprenditori denunciano e i boss finiscono in manette

Torna su
CataniaToday è in caricamento