menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condanna ex rettore Recca per le mail elettorale: "Imputati erano consapevoli"

"Non residua alcun dubbio sulla responsabilità penale degli imputati Recca e Di Maria in ordine al reato di utilizzazione di notizia segreta", così si legge nelle motivazioni della sentenza di condanna

"Non residua alcun dubbio sulla responsabilità penale degli imputati Recca e Di Maria in ordine al reato di utilizzazione di notizia segreta (…). Entrambi, infatti, per come emerso nel corso dell'istruttoria dibattimentale, hanno utilizzato, nella piena consapevolezza che si trattasse di una notizia che doveva rimanere segreta, l'indirizzo di posta elettronica studenti-ct@ml.Unict.it per inviare una mail di propaganda elettorale".

E' un passo della motivazione della sentenza con la quale il 23 gennaio scorso la prima sezione penale del Tribunale di Catania ha condannato per il reato di utilizzazione di notizie segrete ad un anno di reclusione l'ex rettore dell'Università di Catania Antonino Recca ed ad otto mesi un dipendente dell'Ateneo, Nino Di Maria per l'invio di una mail elettorale a sostegno di una candidata nel 2012 dell'Udc all'Ars, che poi si ritirò, utilizzando una lista di posta elettronica e il server dell'Ateneo.

Recca e Di Maria sono stati anche condannati al risarcimento dei danni in favore dell'Università di Catania (determinato in via equitativa l'ammontare in Euro 20.000), così riconoscendo che il reato per il quale i due imputati sono stati condannati ha comportato un "pregiudizio all'immagine e al buon andamento della Pubblica Amministrazione". L'Università di Catania quale parte civile costituita è stata difesa dal Prof. Avv. Giovanni Grasso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Salvini a Catania, caso Gregoretti: prossima udienza il 10 aprile

  • Cronaca

    Maria Carmela Librizzi è il nuovo prefetto di Catania

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento