Condannati tre dirigenti comunali, devono versare oltre 300 mila euro

Salvatore Di Gregorio responsabile del Servizio finanziario dovrà versare 232 mila euro, Salvatore Buttà Servizio entrate dovrà pagare 49 mila euro mentre Antonio Di Mauro Servizio patrimonio deve 26 mila euro

Tre dirigenti del comune di Catania sono stati condannati a risarcire all'amministrazione circa 300 mila euro. È questa la decisione dei giudici di appello della Corte dei Conti. Rispetto al primo grado il risarcimento è stato quasi dimezzato.

I giudici di appello hanno ritenuto i dirigenti responsabili in parte del danno erariale causato dagli interessi - circa 2 milioni e mezzo di euro - sulle anticipazioni di cassa utilizzate per coprire la voragine causata da entrate sovrastimate, negli esercizi finanziari 2003 e 2004.

I DIRIGENTI - Salvatore Di Gregorio, allora responsabile del Servizio finanziario nonché responsabile del procedimento per la predisposizione delle proposte di delibera di approvazione dei bilanci incriminati, dovrà versare 232 mila euro. Salvatore Buttà, responsabile del Servizio entrate, dovrà pagare 49 mila euro, mentre Antonio Di Mauro, responsabile del Servizio patrimonio, deve 26 mila euro.

Il procedimento riguardava anche Angelo Greco, direttore della settima Direzione urbanistica che è stato assolto in appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento