Confcommercio: dopo il flashmob i ristoratori spingono per accelerare la riapertura

In silenzio, la mascherina sul volto, davanti ai locali con il messaggio affidato a un cartello per dire che loro ci sono ma che le loro attività rischiano di non esserci più

In silenzio, la mascherina sul volto, davanti ai locali con il messaggio affidato a un cartello per dire che loro ci sono ma che le loro attività rischiano di non esserci più. Oltre 600 pubblici esercizi di Catania e provincia - coordinati dai ristoratori Giovanni Trimboli, Saro Menza, Gigi Vitale e Marcello Santocchini - hanno partecipato al flashmob lanciato dalla Fipe e che ha coinvolto gli operatori di tutta Italia. Una protesta silenziosa, carica di grande dignità per dire a tutti che sono pronti a ripartire, se solo il Governo li ascoltasse per rimettere in piedi insieme il sistema alla luce di nuove disposizioni che l’emergenza corona virus impone.

7-6-8

“Siamo pronti a collaborare – afferma Dario Pistorio, presidente regionale FIPE Confcommercio – a stravolgere le nostre imprese, a ridurre i guadagni, a fare sacrifici ma vogliamo ripartire. Le istituzioni però devono ascoltarci e venirci incontro per rimettere in moto insieme l’economia del Paese. Le nostre principali richieste sono: decontribuzione totale degli oneri sociali per i dipendenti per almeno 1 anno; congelamento per 1 anno di tutti gli adempimenti fiscali; maggiore flessibilità delle banche per l’erogazione dei finanziamenti (Decreto Cura Italia) anche alle imprese che si vedono segnalazioni di eventuali sofferenze al CRIF; defiscalizzare l’ICI e/o IMU ai locatori di botteghe e/o immobili commerciali al fine di alleviare il peso del canone di locazione per i locatari. Senza questi provvedimenti la ripartenza sarà impossibile. Il settore della ristorazione rischia altissimi tassi di mortalità, la dispersione di professionalità faticosamente costruite, nuove infiltrazioni malavitose”.

1-33-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Federazione, infine, chiede un'anticipazione della data per la ripartenza, certa che i severi Protocolli Sanitari messi a disposizione delle aziende, che hanno imposto pesanti adattamenti organizzativi ed operativi, diano le giuste garanzie in tema di sicurezza sanitaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento