Confezionavano droga in un deposito di Picanello, due arresti

L’attività di pedinamento e osservazione degli agenti, che ha confermato l’attività di spaccio dei due, ha portato all’arresto e al sequestro di 17 stecche di marijuana

Nella giornata di ieri, personale del commissariato Borgo-Ognina, ha arrestato per spaccio di stupefacenti Piacente Giuseppe, classe 1999, con precedenti di polizia per il medesimo reato, e Belluso Angelo Giuseppe, classe 1996 con svariati precedenti penali per reati di droga. Nel corso di un’attività investigativa antidroga, i poliziotti hanno individuato, in via del Rotolo, alcuni giovani, tra cui alcuni minori, i quali, a bordo di ciclomotori, seguivano il Belluso in direzione piazza Nettuno, dov’era ad attenderlo Piacente. L’attività di pedinamento e osservazione degli agenti, che ha confermato l’attività di spaccio dei due, ha portato all’arresto e al sequestro di 17 stecche di marijuana. Inoltre, sono stati bloccati anche 3 assuntori, ancora in possesso del denaro per l’acquisto della droga. Ciò che ha destato maggiore preoccupazione è emerso poco dopo, grazie a ulteriori accertamenti, portati avanti dagli stessi operatori di polizia. All’interno di un edificio, nel quartiere di Picanello, è stato scoperto il laboratorio/deposito utilizzato dai due arrestati per il confezionamento della droga che – come si è poi scoperto – veniva previamente “trattata”; qui, sono stati rinvenuti una busta di marijuana e 37 involucri contenenti la medesima sostanza, due bilancini, carta d’alluminio, molte buste di cellophane e un macchinario per sigillare i sacchetti.

In più, gli agenti hanno trovato molte bottiglie di candeggina, usata per trattare la marijuana: a dire dei due, per dare un altro “tono” alla droga. È stata anche riscontrata la presenza di acido cloridrico puro e di alcune vasche con residui di marijuana mista a prodotti chimici, tra cui la candeggina, il cui odore è stato chiaramente percepito dai poliziotti. Sul posto sono intervenuti gli specialisti del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica per i prelievi e per le successive analisi tossicologiche. L’immobile, come si è poi riscontrato, era stato locato senza un regolare contratto di locazione, anche allo scopo di escludere la sua riconducibilità agli arrestati,. Ai due arrestati, che sono stati condotti presso il carcere di Piazza Lanza, oltre al reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, che prevede la pena da 6 a 20 anni, è stata contestata l’aggravante di cui all’articolo 80 del DPR 309/90 che sancisce l’aumento di pena da un terzo alla metà nei casi in cui la droga è consegnata a persona di età minore. Gli assuntori sono stati segnalati alla Prefettura ai sensi dell’art. 75 del citato DPR, al fine del recupero terapeutico. Uno dei ragazzi, studente presso una scuola superiore, al momento dell’affido al genitore, ha dichiarato di fare uso di droga e il proprio genitore ne è a conoscenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento