La consulta regionale Fsi-Usae fa tappa in Sicilia, interverranno: Armao, Compagnone e Scavone

La Segreteria generale Fsi-Usae incontra, il 25 novembre 2017 alle ore 15 presso il Plaza Hotel di Catania, tutti gli operatori del servizio sanitario siciliano, pubblico e privato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

La Segreteria generale Fsi-Usae incontra, il 25 novembre 2017 alle ore 15 presso il Plaza Hotel di Catania, tutti gli operatori del servizio sanitario siciliano, pubblico e privato. "Quale democrazia dentro i contratti?” è il titolo del consulta regionale, 18 meeting che coprono l’intero paese.

Un tour in cui la Segreteria Generale FSI-USAE incontra le consulte regionali degli operatori del servizio sanitario nazionale. Gli appuntamenti regionali saranno utili per affrontare vari temi fra cui: la questione economica e degli aumenti salariali, i percorsi di carriera, l’accesso alla dirigenza, la defiscalizzazione dei salari di produttività, la libera professione, le competenze avanzate, l’inquadramento degli Operatori socio sanitari, la questione dell’assicurazione per gli operatori sanitari a carico delle aziende, e anche molti altri argomenti di politica sanitaria regionale; gli incontri delle consulte professionali proseguiranno poi a livello territoriale con meeting di approfondimento dei dettagli su tutte le tematiche trattate.

Adamo Bonazzi, Segretario Generale FSI-USAE, a tale proposito ha dichiarato: “Abbiamo appena riunito le consulte professionali nazionali e abbiamo già ottimi riscontri dalle categorie. Non abbiamo mai perso il contatto con la gente ma con queste iniziative, oggi, siamo ancora più vicini agli operatori e contiamo di vivere in diretta le loro pulsioni e di raccogliere le loro aspirazioni che vogliamo portare direttamente sul tavolo contrattuale nazionale insieme con le relative istanze. Non è un obiettivo da poco ma credo sia alla nostra portata. Desidero rammentare a tutti che è solo grazie all’abnegazione degli operatori che ci lavorano che il nostro servizio sanitario nazionale non è collassato e sta ancora in piedi. Un servizio sanitario che era definito fra i migliori al mondo e che ora, taglio dopo taglio, sta invece lentamente degenerando. In un paese dove tutti parlano a vanvera di merito gli operatori sanitari hanno studiato, fatto ricerca, migliorando sotto il profilo culturale deontologico e professionale le rispettive professioni e danno giornalmente un contributo enorme al nostro paese ma si debbono confrontare con norme arcaiche e organizzazioni farraginose e scadenti pagandone tutte le conseguenze. È l’ora che questi meriti vengano riconosciuti in modo concreto e tangibile.” “L’organizzazione sindacale FSI-USAE, da sempre vicina a lavoratori e disoccupati, da anni si occupa delle tematiche e delle dinamiche del lavoro. La consulta, aperta a tutti i lavoratori del servizio sanitario regionale siciliano, nasce così con l’intento di dare la parola ai lavoratori, evidenziare le problematiche e delineare proposte e soluzioni ” Un vero e serio confronto tra lavoratori del pubblico e del privato di tutti i settori, istituzioni e sindacato.

“Un’occasione imperdibile per i lavoratori, quindi per dire la nostra, invito i lavoratori a dare un vero segnale di partecipazione propositiva alla vita lavorativa di questo Paese impegnando poche ore della nostra giornata”, conclude Coniglio. Interverranno: Prof Gaetano ARMAO Vice Presid. della Regione Siciliana, Senatore Antonio SCAVONE componente commissione sanità al Senato, On. Giuseppe COMPAGNONE Deputato della Regione Siciliana, parlamentari e autorità locali.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento