Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Contraccezione, boom di "baby-mamme" in Sicilia: 168 solo a Catania

Secondo lo studio all'isola spetta un primato negativo: in sintesi, l'Istat ha calcolato che, nel 2012, 433 ragazze sotto i 18 anni e 294 tra i 18 e i 19 anni sono diventate mamme. A Catania hanno messo al mondo un figlio 168 minorenni e 227 ragazze dai 18 ai 19 anni

"Essere in grado di programmare la maternità è un diritto fondamentale della donna e fornire alle italiane gli strumenti per farlo è un dovere dei ginecologi". Commenta così Annibale Volpe, past president della Società Italiana della Contraccezione (SIC) i risultati di un'indagine promossa dalla Cgil e dall'Unione degli universitari che fotografa il trend dell'interruzione volontaria di gravidanza in Sicilia.

Secondo lo studio all'isola spetta un primato negativo: in sintesi, l'Istat ha calcolato che, nel 2012, 433 ragazze sotto i 18 anni e 294 tra i 18 e i 19 anni sono diventate mamme. Di tutte queste, solamente una era sposata. Ad aggravare il quadro, la percentuale degli aborti tra le minorenni: la più alta dello Stivale (il 10,6% contro l'8,5% della media nazionale). A Catania hanno messo al mondo un figlio 168 minorenni e 227 ragazze dai 18 ai 19 anni.

"Una gravidanza non desiderata - ha dichiarato Volpe durante la presentazione dell'indagini avvenuta nei giorni scorsi a Palermo- obbliga le giovanissime ad abbandonare gli studi, a interrompere un cammino verso quell'emancipazione che conduce, generazione dopo generazione, a un progresso sociale e culturale". Da qui la necessità di un'educazione sessuale efficace e costante. "Le famiglie di provenienza devono assumersi la responsabilità di insegnare ai ragazzi la differenza tra sesso e amore e, dunque, devono insegnare cosa significhi affettività. A noi ginecologi, invece, spetta l'onere di fare educazione sessuale e di spiegare alle ragazze e ai ragazzi in modo semplice come evitare una gravidanza indesiderata".

Volpe si rivolge, , direttamente ai ragazzi: "Confrontatevi sempre con il vostro ginecologo per individuare il contraccettivo orale più adeguato alle singole esigenze ed evitare, così, la ritenzione idrica che causa aumento di peso. Ricordate sempre che dopo 50 anni di lunga e onorata 'carriera', gli estroprogestinici sono presenti sul mercato con formulazioni diverse, alcune delle quali anche a base di estradiolo naturale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contraccezione, boom di "baby-mamme" in Sicilia: 168 solo a Catania

CataniaToday è in caricamento