menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli sulle case popolari, accertate dieci occupazioni abusive

L’operazione eseguita dalla polizia e dallo Iacp, ha consentito di segnalare 10 persone all’autorità giudiziaria

La polizia in collaborazione con l’Istituto Autonomo Case Popolari, ha effettuato un controllo straordinario per contrastare il fenomeno dell’occupazione abusiva degli alloggi catanesi. L’operazione ha consentito di segnalare 10 persone all’autorità giudiziaria. Un controllo è stato effettuato presso un’abitazione di circa 80 metri quadri, in via Duca degli Abruzzi: l’inquilino ha dichiarato di essere affittuario da circa un anno e mezzo e di corrispondere ai “falsi proprietari” un canone pari a 330 euro. Il tutto, senza un regolare contratto di locazione, per volontà dei proprietari.

E' emerso che i locatori non sono i veri proprietari, ma i figli dei reali assegnatari, ormai morti. Hanno occupato abusivamente la casa da circa 7 anni e, adesso, vorrebbero acquistarla dall’Iacp al prezzo di 10 mila euro. L’affittuario dovrà lasciare immediatamente l'abitazione.

Le due donne che hanno occupato la casa, infine, non hanno dichiarato il contratto di affitto presso l’ufficio delle Eetrate poiché, a parte non avere la proprietà dell’immobile, uno dei presupposti per acquisire una casa dall’Iacp è quello di abitarla. Un ulteriore accertamento è stato eseguito in zona residenziale, e attiene all’occupazione abusiva di un immobile popolare effettuata circa 3 anni fa. L’occupante ha dichiarato che, pur percependo una pensione di reversibilità di 1400 euro, avendo appreso che l'immobile si era liberato, è entrata dentro in quanto nell’abitazione a fianco vi abita il  figlio, anche lui occupante abusivo.

Anche un altro soggetto, venuto a conoscenza che un occupante aveva lasciato un immobile, circa 8 anni fa ha deciso di occuparlo abusivamente per abitarvi con altre cinque persone. Altra occupazione illegale di alloggio pubblico è stata accertata ad opera di due soggetti che risultano, senza titolo, abitare in un immobile dell’Iacp, occupato sempre in zona semicentrale e ben servita. Infine, è stato appurato che una persona vive all’interno di una casa dell’Iacp senza titolo da 8 anni: non paga perché disoccupato e non ha una soluzione alternativa dove vivere con il proprio nucleo familiare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

Contrastare il Covid-19: ecco i 5 DPI più efficaci

Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Ristrutturare

Ristrutturare low cost: ecco come comportarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento