Controlli Covid-19, resistenza a pubblico ufficiale: due denunce

Un 26enne si è dato alla fuga per non sottoporsi ai controlli mentre un minorenne ha aggredito i poliziotti mentre si trovava al pronto soccorso

Ancora denunce e ancora “furbetti” nelle maglie della polizia che, in questi giorni, sta effettuando capillari servizi di controllo del territorio per il rispetto delle restrizioni finalizzate al contenimento del contagio da Coronavirus. Nella giornata di ieri, infatti, sono state numerosissime le persone denunciate per la violazione dell’articolo 650 del codice penale. In un caso addirittura, oltre all'inosservanza degli obbligi relativi alla limitazione degli spostamenti, un 26enne è stato anche denunciato per resistenza a pubblico ufficiale: Intorno alle 2 del mattino infatti, pur di non farsi fermare e controllare dagli uomini delle Volanti che lo hanno incrociato a bordo di uno scooter mentre si trovava in via F. Vivaldi, il catanese 26nne J.O. non ha esitato ad accelerare per darsi alla fuga, innescando in tal modo un inseguimento che si è concluso alle porte del quartiere Cibali. Abbandonato il mezzo, il fuggitivo ha continuato la sua corsa a piedi ma, per scavalcare un muro, è stato costretto a buttarsi giù da un dislivello di oltre 6 metri, finendo per farsi male. Dopodiché è stato raggiunto dai poliziotti che lo hanno bloccato. In mancanza di ulteriori sospetti sul suo comportamento, agli agenti non è rimasto altro che denunciarlo per violazione del provvedimento “anticovid” (art. 650 Codice penale) e per resistenza a pubblico ufficiale, per poi condurlo al pronto soccorso del Policlinico Universitario per curarne le ferite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la notte, per i poliziotti, ha riservato altre sorprese. Proprio al pronto soccorso dov’erano diretti, infatti, un altro giovane, non ancora 18enne, stava avendo un violento alterco con i sanitari per non meglio precisati motivi. I poliziotti hanno avuto appena il tempo di rendersi conto di quanto stava accedendo e di accennare a un tentativo di riportare la calma: il minore, in un attimo, è passato dalle parole ai fatti, aggredendo violentemente i sanitari e gli stessi poliziotti che, dopo averlo bloccato e messo in sicurezza, sono stati costretti a ricorrere alle cure dei medici avendo riportato lesioni, anche gravi, la cui prognosi, in un caso, supera i 30 giorni. Il giovane è stato condotto in questura e qui è stato denunciato per resistenza, lesioni e violenza e minacce a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento