Controlli della polizia a Librino: animali maltrattati, lavoro nero e furti di energia

I numeri dei controlli: 12 persone indagate, contestati 14 reati e molteplici illeciti amministrativi ed elevate oltre 130 mila euro di sanzioni amministrative

Nei giorni scorsi, come disposto dal Questore di Catania Mario Della Cioppa, personale del commissariato Librino, diretto dal vice Questore Alessandro Berretta, ha effettuato controlli straordinari per contrastare l’illegalità diffusa nel quartiere.

I numeri dei controlli straordinari a Librino

12 persone indagate, contestati 14 reati e molteplici illeciti amministrativi ed elevate oltre 130 mila euro di sanzioni amministrative. Un uomo è stato sottoposto a provvedimento di esecuzione detenzione domiciliare per spaccio di sostanze stupefacenti ed è stata effettuata anche una contestazione d’illecito amministrativo per uso di cocaina. Sono state rinvenute 2 autovetture rubate (restituite ai legittimi proprietari), sequestrate 2 autovetture condotte da soggetti senza patente per non averla mai conseguita ed è stata ritirata anche 1 patente di guida perché il conducente si era posto alla guida del Suv, di grossa cilindrata, dopo aver assunto crack e per questo segnalato alla Prefettura.

Controllo in un garage di viale Nitta

Un controllo è stato effettuato all’interno di un garage di viale Nitta: un pluripregiudicato dedito all’attività della pesca, R.P., è stato indagato per detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e tali da creargli gravi sofferenze.

5-3-2-3

All’interno del locale, nei sotterranei e senza luce né aria naturale, infatti, era rinchiuso un pitbull docile, lasciato al fine di fare la guardia, senza cibo, nella sporcizia e impossibilitato a muoversi perché legato a una catena: l’unica fonte di aria era una piccola grata ricavata abusivamente nella parete esterna del garage, realizzata senza l’autorizzazione del comune di Catania che è l’Ente proprietario dell’immobile. Sempre all’interno del garage, era allestito un deposito di attrezzatura da pesca e un frigo con il pescato ancora vivo. I poliziotti che hanno eseguito il controllo sono stati attirati dai guaiti dell’animale, ciò nonostante, sono stati contestati dal pregiudicato e dal figlio, anche lui con precedenti.

2-5-3

Controlli al viale Moncada

Un caso di sfruttamento del lavoro è stato rilevato in viale Moncada, dove un uomo, a fronte delle 10 ore di lavoro giornaliere e visto lo stato di bisogno in cui versa, ha accettato la misera retribuzione di 1 euro l’ora quale dipendente di un supermercato privo di autorizzazioni amministrative e allestito illegalmente in un’area condominiale di proprietà del Comune. Il responsabile è stato indagato per invasione di terreni ed edifici e per lo sfruttamento dello stato di bisogno del lavoratore. Personale del comune di Catania provvederà per successive contestazioni ed eventuali ulteriori addebiti rispetto allle irregolarità amministrative riscontrate.

In uno stabile di viale Moncada sono stati indagati diversi soggetti, tra i quali P.M. e Z.E, per furto di energia elettrica. Per mettere in sicurezza lo stabile, visto il concreto rischio di scoppio causato dagli allacci abusivi eseguiti dai malfattori, è stato necessario disattivare per un breve periodo la cabina generale dell’Enel e l’intervento del personale qualificato Enel.

3-1-2-4

Ancora in viale Moncada, sono state soprese alcune persone alla guida di autovetture senza patente per non averla mai conseguita. Un centro di scommesse abusive e di giochi illegali è stato scoperto realizzato in via dell’Iris, all’interno di un locale di 300 metri quadri; nella circostanza, sono state sequestrate penalmente somme di denaro, 5 computer, un stampate termica, 8 slot machine, ricevute di gioco e altro ancora. È stato trovato anche un lavoratore in nero che percepisce il reddito di cittadinanza. Il gestore della sala scommesse, il pregiudicato T.C, è stato indagato per i reati di sfruttamento dello stato di bisogno del lavoratore ed esercizio illegale di gioco e scommesse. Un controllo di polizia è stato effettuato in via del Maggiolino, dove una donna, D.B.G. è stata indagata per occupazione abusiva di un locale di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari: al fine di trovare un’occupazione lavorativa alla propria figlia, lo aveva occupato illegalmente per allestirvi un negozio – anch’esso abusivo – di parrucchiere per donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, presso l’Aeroporto “V Bellini”, un parcheggiatore abusivo e percettore del reddito di cittadinanza, il pregiudicato D.S. cl 79, è stato indagato per inottemperanza all’ordine di allontanamento da parte del Questore facente seguito ad una diffida, emessa nel mese di luglio scorso, dall’esercitare in detta area l’attività di guardiamacchine. Lo stesso verrà indagato per la reiterazione dell’attività illegale di posteggiatore abusivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento