Controlli della polizia al Borgo, denunciato per detenzione abusiva di armi

Sequestrati penalmente la pistola e le munizioni illegalmente detenute e, in via cautelare, l’intero arsenale è stato ritirato per motivi di ordine e sicurezza pubblica e custodito presso gli Uffici di Polizia

Gli agenti del commissariato Borgo-Ognina, hanno effettuato un controllo straordinario per verificare la regolare detenzione delle armi. In particolare, presso un’abitazione nel quartiere Borgo, è stato controllato un detentore di armi con 17 fucili e carabine, 2 pistole e svariate munizioni.

I poliziotti, fatto di rilievo, hanno rinvenuto 4 fucili, 3 carabine e 663 munizioni vario calibro all’interno di un armadio custodito all’interno del garage, non in appartamento. Le restanti armi e munizioni sono state regolarmente trovate presso l’abitazione e custodite all’interno di un armadio.

Ulteriori accertamenti hanno consentito di rinvenire una pistola, non denunciata in detta abitazione, modello PPK-L marca Walter calibro 7,65 e 14 munizioni stesso calibro. E' stata accertata anche l’illegale detenzione di numero 113 cartucce calibro 9 X 21 e numero 26 cartucce calibro 7,62 X 29. Pertanto, si è proceduto ad indagare in stato di libertà il responsabile, tale F.F., per i reati di detenzione abusiva/illegale di armi e munizioni.

Si è proceduto infine a sequestrare penalmente la pistola e le munizioni illegalmente detenute e, in via cautelare, l’intero arsenale è stato ritirato per motivi di ordine e sicurezza pubblica e custodito presso gli Uffici di Polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento