Controlli della polizia al "Filenz", la replica del proprietario

"A poche ore di distanza dal controllo, l’Asp di Catania, Dipartimento di Prevenzione Unità operativa di igiene pubblica, emetteva provvedimento di revoca del precedente provvedimento di sospensione dell’attività, con immediata ripresa della stessa" afferma il titolare del Filenz

In seguito ai controlli eseguiti dalla polizia etnea nel locale "Filenz" al porto il proprietario del pub precisa:“Con riferimento ai locali 'cucina' destinati alla preparazione degli alimenti, si precisa che nessuna contestazione è stata mossa dalle Autorità intervenute, né in ordine alle condizioni igienico sanitarie, né in relazione alla corretta conservazione degli alimenti. A riprova di quanto si sostiene, a poche ore di distanza dal controllo, l’ASP di Catania, Dipartimento di Prevenzione Unità operativa di igiene pubblica, emetteva provvedimento di revoca del precedente provvedimento di sospensione dell’attività, con immediata ripresa della stessa. In relazione ai servizi igienici, si precisa ancora che nessuna contestazione è stata mossa in ordine alle condizioni di quelli utilizzati e aperti all’utenza del locale 'Filenz'. Viceversa, le contestazioni mosse sono riferite ad altri servizi igienici, chiusi al pubblico nella stagione estiva, e attualmente in fase di ristrutturazione. Con riferimento alle presunte irregolarità in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, le contestazioni hanno avuto ad oggetto unicamente la scadenza di due estintori (rispettivamente, maggio e agosto 2017) su dodici, nonostante peraltro la normativa di settore e il piano di sicurezza ne imponesse soltanto tre. Con riferimento, infine, alla contestata frode in commercio per il rinvenimento di alimenti surgelati non indicati come tali nel menù, nella specie prodotti ittici, si precisa che gli stessi, seppur perfettamente conservati e tracciabili, non erano affatto inseriti nel menù del locale, in quanto non destinati alla vendita. Alla luce di quanto sopra, l’attività di ristorazione continuerà come sempre a essere aperta al pubblico. Si precisa, infine, che il locale ha al proprio servizio 41 dipendenti e ha recentemente ricevuto diversi encomi da parte dalle Pubbliche Autorità per la riqualificazione dell’area portuale e per l’attività sin qui svolta. Rimane fermo l’impegno di migliorare il proprio servizio, nel pieno rispetto delle regole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento