Controlli nei locali ed officine, sanzioni e sequestri nell'hinterland

Barriera, Motta S. Anastasia e Misterbianco sono state passate al setaccio dagli agenti di polizia, a caccia di irregolarità nelle attività commerciali

Barriera, Motta S. Anastasia e Misterbianco sono state passate al setaccio dagli agenti di polizia, a caccia di irregolarità nelle attività commerciali. La ditta di autodemolizioni “Tavolacci Rosa S.r.l.” di Motta ha subìto il sequestro penale di una zona di circa 8000 metri quadrati, abusivamente adibita a deposito di vecchie auto. La titolare e il padre della stessa, anche lui gestore di fatto dellasocietà, sono indagati in stato di libertà per attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

Nel territorio di Misterbianco è stato ispezionato il bar "Carciola" in via G. Matteotti: anche qui il titolare è stato denunciato per il reato di frode in commercio, per aver tenuto in bancone prodotti surgelati senza rendere visibile il listino degli ingredienti. Alcuni alimenti non erano ben conservati o erano stati congelati, violando le norme del caso. Sono quindi stati sequestrati e distrutti per evitare che potessero essere posti in vendita. In alcune zone del laboratorio è stata rilevata scarsa pulizia e stato di igiene non in linea con le norme e, per tale motivo, sono state date alcune prescrizioni ed elevata la sanzione amministrativa di euro 2.000. 

In zona Barriera è stato controllato un chiosco in piazza Cutelli ed il titolare è stato sanzionato per occupazione abusiva del suolo pubblico con rimozione dell’attrezzatura. In via Empedocle, infine, una officina meccanica era priva della relazione tecnica dell’impianto acustico e mancava pure l’autorizzazione per l’accesso carrabile, con conseguente sanzione di 1.032 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento