Controlli nei locali, tocca al bar "Battisti" e alla pasticceria "Arena"

Sospesa l'attività del bar "Battisti" con sanzioni per mancanza di autorizzazioni, furto di energia elettrica ed altri reati

Dopo gli stringenti controlli dei giorni scorsi, altri locali ed esercizi commerciali catanesi sono stati ispezionati dagli agenti della polizia di Stato, sempre alla ricerca di possibili irregolarità. Si comincia con il chiosco bar "Battisti" di via De Lorenzo. L'attività è stata sospesa per mancanza dei requisiti igienico sanitari ed è stata applicata una sanzione da euro 2500 a 15000 poiché il titolare non era in possesso delle autorizzazioni. Ulteriore sanzione è stata applicata da parte dei tecnici dell’Asp, perché erano posti in vendita prodotti alimentari privi di tracciabilità che, ovviamente, sono stati sequestrati. Anche questa volta è stato contestato il reato di furto di energia elettrica, diffuso a macchia d'olio in città.

Sempre in via De Lorenzo, il titolare di una autofficina è stato denunciato per il reato ambientale previsto dall’articolo 256 decreto legislativo 152/2006 e perché esercitava l’attività pur essendo privo di qualsiasi autorizzazione, smaltendo i rifiuti senza rispettare le dovute prescrizioni.

Per finire nel quartiere di Picanello, gli uomini del commissariato di Ognina hanno denunciato per furto di energia elettrica, sempre tramite l’utilizzo di una calamita, il titolare della pasticceria "Arena” di via Macaluso. Contestata anche la frode in commercio perché all’interno del congelatore erano conservati alimenti che, sul menù, non erano segnati con l’asterisco indicante la dicitura “prodotto surgelato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento