rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

Controlli in un locale del Porto: scarsa igiene e deposito non a norma

Cattive condizioni igienico-sanitarie nei locali destinati alla preparazione degli alimenti e nel deposito di bottiglie, ma anche totale stato di abbandono dei servizi igienici destinati al pubblico con rifiuti accatastati all'interno

Un noto pub all’interno del porto di Catania, il Filenz, è stato passato al setaccio dai poliziotti etnei, che hanno riscontrato varie irregolarità, tra cui carenze igienico - sanitarie nei locali destinati alla preparazione di alimenti e nel deposito delle bottiglie. E' stato rilevato il totale stato di abbandono dei servizi igienici destinati al pubblico con rifiuti accatastati all’interno.

Le violazioni contestate

Inoltre è stata riscontrata la presenza di un locale contenente alimenti e bevande, pur essendo privo dei requisiti minimi previsti dalla legge. Anche l’impianto elettrico si presentava con fili “volanti” e quindi non a norma. Ma non è finita qui. Sono stati trovati estintori scaduti eun deposito di alimenti e bevande senza alcuna autorizzazione sanitaria. Assenti gli spogliatoi necessari per i dipendenti. Durante l’attività controllo, all’interno del congelatore sono stati rinvenuti alimenti surgelati non indicati nel menù come tali.

L'attività di deposito e di cucina è stata sospesa e il titolare, al quale sono state irrogate sanzioni pecuniarie per svariate migliaia di euro e imposte numerose prescrizioni, è stato denunciato in stato di libertà per il reato di frode in commercio e per reati connessi alla sicurezza sui luoghi di lavoro. La polizia ha poi effettuato un accesso ispettivo per verificare l’osservanza delle norme di tutela dei rapporti di lavoro. Sono stati sentiti 13 dipendenti 4 dei quali “in nero”: per le ulteriori verifiche, è stato interessato l’ispettorato.

Autolavaggio abusivo

Per quanto attiene ai controlli a tutela dell’ambiente, un autolavaggio del centro storico era gestito in maniera del tutto abusiva, senza autorizzazioni amministrative e senza l’autorizzazione allo scarico delle acque provenienti dal lavaggio dei veicoli. Durante il controllo, inoltre, sono stati inoltre trovati 2 lavoratori irregolari, tra cui un cittadino straniero senza permesso di soggiorno. Il titolare dell’esercizio è stato denunciato e e l’intera attività, comprese le attrezzature, è stata sequestrata. Anche in questo caso, per gli atti di competenza, è stato informato l’ispettorato del lavoro.

LA REPLICA DEL PROPRIETARIO

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli in un locale del Porto: scarsa igiene e deposito non a norma

CataniaToday è in caricamento