Controlli a Motta, multato un bar e sequestrati prodotti cinesi irregolari

Nessuna irregolarità è stata riscontrata per ciò che riguarda la conservazione degli alimenti e la pulizia dei locali del bar. Multe e sequestri per i cinesi

Motta Sant’Anastasia continua ad essere al centro delle attenzioni degli agenti di polizia, che hanno ispezionato diverse attività commerciali. Questa volta è toccato al “Bar Pasticceria Tinnirello Antonino” di via Terre Nere. Nulla è stato riscontrato in merito alle condizioni igienico sanitarie, ma mancava la procedura di autocontrollo Haccp, che prevede una sanzione pecuniaria da 1000 a 6000 euro.

Rilevata anche la mancanza di tracciabilità di alcuni prodotti alimentari posti in vendita. Nessuna irregolarità è stata riscontrata per ciò che riguarda la conservazione degli alimenti e la pulizia dei locali.

In via della Concordia è stato controllato un grossista cinese che vendeva prodotti senza indicazioni in lingua italiana e quindi non conformi alle norme europee. Analoghi controlli sono stati effettuati in viale Mario Rapisardi presso il bazar  “Wang Zhogjun” dove,  sono stati sequestrati numerosi articoli ad uso domestico ed elettrico privi di marcatura CE, con relativa multa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento