Controlli della polizia in un negozio di tatuaggi in zona Borgo

I due dipendenti presenti, infatti, erano privi di regolare contratto, percependo cifre estremamente esigue che vanno dai 1,70 ai 2,27 euro per ogni ora di lavoro prestata

Continuano i controlli degli agenti del commissariato Borgo Ognina sull’osservanza delle norme sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. L’attenzione dei poliziotti, questa volta, è caduta su un negozio di tatuaggi in zona Borgo, dove gli agenti hanno, anzitutto, riscontrato la presenza di un impianto di videosorveglianza per il quale non era stato esposto alcun avviso al pubblico: l’inosservanza di tale norma ha comportato una sanzione amministrativa al titolare, in misura ridotta, di 12.000 euro.

L’eventuale mancato pagamento farà lievitare tale cifra a 36.000 euro. Ulteriori rilievi sono emersi sotto il profilo della regolarità delle prestazioni lavorative: i due dipendenti presenti, infatti, erano privi di regolare contratto, percependo cifre estremamente esigue che vanno dai 1,70 ai 2,27 euro per ogni ora di lavoro prestata.

Una condizione di sfruttamento, questa, che ha fatto scattare la denuncia di cui all’art. 603 bis del Codice penale che, appunto, punisce chi sfrutta il lavoratore approfittando del suo stato di bisogno. Non sono mancati, infine, i riscontri sulla mancanza di sicurezza sui luoghi di lavoro, originati da macroscopiche mancanze come quella degli estintori e della formazione dei dipendenti. Per tali, ultime violazioni verrà interessata l’Asp Spresal per l’attività di competenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento