Controlli di polizia a tappeto nei luoghi frequentati da turisti: due arresti

Continua la lotta senza quartiere della polizia di stato contro i reati lungo gli itinerari turistici catanesi e la battaglia per la prevenzione degli incidenti stradali.

Continua la lotta senza quartiere della polizia di stato contro i reati lungo gli itinerari turistici catanesi e la battaglia per la prevenzione degli incidenti stradali. Diversi  i posti di blocco disposti ieri in piazza Federico di Svevia, piazza San Placido, via Ughetti, via Dottor Consoli, via Di Prima, via Ventimiglia, via Cristoforo Colombo, via della Concordia, piazza Risorgimento e presso alcune vie di Trappeto Nord-San Giovanni Galermo.

Al termine dell’attività di controllo sono state 143 le persone identificate, 112 i veicoli controllati, 13 le contestazioni al codice della strada, 9 i sequestri amministrativi di motoveicoli i cui conducenti non facevano uso del casco protettivo, 5 i veicoli sequestrati per mancanza di assicurazione. E ancora 7 le carte di circolazione ritirate, 19 i controlli a soggetti sottoposti agli arresti domiciliari e alla Sorveglianza Speciale, 2 gli esercizi pubblici controllati. Arrestati inoltre due pregiudicati catanesi.

Il primo veniva sorpreso in via Transito angolo P.zza Maravigna, mentre stava per asportare il denaro contenuto all’interno di una cabina per fototessera. Nella circostanza, dopo un breve inseguimento, il malvivente è stato bloccato ed arrestato per tentato furto aggravato, mentre i complici riuscivano a dileguarsi per le vie limitrofe. Il secondo, invece, si è reso responsabile di furto aggravato, in quanto sorpreso mentre asportava carburante dal serbatoio di un autocarro che si trovava posteggiato sulla stradale Gelso Bianco. Il maltolto è stato restituito al proprietario del mezzo pesante, un autotrasportatore polacco, il quale durante l’episodio criminoso dormiva serenamente all’interno della cabina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento