rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Controlli della polizia su pesca illegale al Porto, sequestri e sanzioni

E' stato controllato un natante da diporto privo di segni contraddistintivi la regolarità del peschereccio con a bordo un soggetto intento a maneggiare una lunga rete da pesca

Controlli da parte del xommissariato Borgo-Ognina sulla pesca illegale ad opera di pescatori privi di licenza e che agiscono in palese contrasto con la normativa in materia fiscale. Scopo del servizio era quello di controllare tutte le barche che fanno riferimento alla nautica da diporto, che è un tipo di navigazione sportiva o ricreativa senza scopo di lucro ma, in realtà, allestite in modo illegale ad attività imprenditoriale effettuando pesca senza autorizzazione e anche di frode.

La polizia si è così recata presso l’area portuale di Catania, dove ha preventivamente effettuato un’attività di osservazione e, a seguire, di individuazione di alcuni natanti i cui titolari sono stati opportunamente identificati.

E' stato controllato un natante da diporto privo di segni contraddistintivi la regolarità del peschereccio con a bordo un soggetto intento a maneggiare una lunga rete da pesca e, tra l’altro, detta barca era totalmente allestita a peschereccio. Effettuato il controllo, lo stesso è risultato privo di licenza e operare in nero, cioè in totale inosservanza delle norme in materia fiscale.

I poliziotti hanno ispezionato detto natante e, nella circostanza, proceduto a sequestrare le lunghe reti da pesca, 100 metri e, a tal riguardo, è stato necessario l’intervento di una motovedetta della guardia costiera che ha coadiuvato la polizia di Stato a prelevare e trasportare le reti.

A questo punto e dopo avere appreso circa il sequestro del materiale da pesca, il titolare dell’imbarcazione è andato in escandescenza e si è formata una ressa di persone, conoscenti e parenti, che hanno reso difficoltose le operazione di polizia. Per tali motivi, il titolare del peschereccio è stato anche indagato in stato di libertà per il reato di oltraggio oltre a contestargli l’illecito amministrativo e la relativa sanzione pecuniaria di 1000 euro per la detenzione di attrezzi non consentiti, non autorizzati o non conformi alla normativa vigente. Infine, alla vista della Polizia di Stato diversi pescherecci abusivi si sono dati alla fuga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli della polizia su pesca illegale al Porto, sequestri e sanzioni

CataniaToday è in caricamento