Controlli per un venditore ambulante in via Armando Diaz

I poliziotti della squadra di polizia amministrativa di Catania hanno proceduto al controllo di un venditore ambulante privo di autorizzazione

La polizia di Stato insieme al reparto annona della polizia municipale, ha svolto controlli per prevenire e reprimere il dilagante fenomeno dell’occupazione abusiva di suolo pubblico da parte di venditori ambulanti che, oltre a creare notevoli disagi alla viabilità impossessandosi della pubblica via e dei marciapiedi, espongono di fatto anche i pedoni al rischio di dover camminare lungo la sede stradale, essendo i marciapiedi occupati da cassette di frutta e altra merce di vario genere.

In particolare, i poliziotti della squadra di polizia amministrativa di Catania hanno proceduto al controllo di un venditore ambulante privo di autorizzazione che, in prossimità di un incrocio in via Armando Diaz, occupava stabilmente da oltre 6 mesi la sede stradale e il marciapiede per circa 30 metri quadri, con espositori in ferro e legno coperti da due ombrelloni con apposito impianto di illuminazione attivato da un gruppo elettrogeno.

Gli operatori hanno indagato il venditore ambulante, per “invasione di terreni o edifici”, reato sanzionato dagli articoli 633 e 639 bis del codice penale. Inoltre, si è proceduto al sequestro di tutta la merce che è stata interamente donata a enti caritatevoli di Catania, e altresì del furgone del venditore ambulante che era privo della copertura assicurativa e della revisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento