Controlli in una ditta della zona industriale: bagni sporchi e irregolarità

Controlli amministrativi presso una ditta catanese che si occupa di magazzinaggio e trasporto merci destinate alla ristorazione

Gli agenti del commissariato di Nesima e di Librino hanno effettuato dei controlli amministrativi presso una ditta catanese che si occupa di magazzinaggio e trasporto merci destinate alla ristorazione, con sede presso la zona industriale. Qui sono state rilevate numerose inadempienze da parte del titolare. Contestato il mancato utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, che la legge impone a tutela dei lavoratori, e l’omessa visita medica preventiva, finalizzata ad accertarne le condizioni psicofisiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono state verificate le precarie condizioni sanitarie dei servizi igienici, posti a notevole distanza dal magazzino in cui si svolge il maggior carico di lavoro. Sono stati identificati tutti gli operai presenti, accertando l’assenza del contratto di lavoro per due di essi e irregolarità contrattuali per altri due: da qui, le sanzioni di carattere amministrativo nei confronti del titolare della ditta. Per lui l'obbligo di adeguarsi alle leggi in vigore, con una nuova ispezione che sarà effettuata in futuro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Duro colpo ai Brunetto: le dinamiche del clan tra estorsioni, minacce e pestaggi

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

  • Coronavirus, in Sicilia tre nuovi casi: +1 nella provincia etnea

  • Sequestrate 15mila bombole di gpl pericolose a una coppia di catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento