Controlli alla pescheria "Zu Maru", pesce congelato venduto per fresco

Calamari, polpi e tranci di pesce spada venivano venduti al pubblico senza l’apposita etichetta di pesce decongelato

Il controllo effettuato da parte della polizia presso la pescheria dei “Fratelli De Luca - Zu Maru” di via Messina è costato caro ai titolari, che dovranno rispondere del reato di frode in commercio. Sia in cella frigo, sia sul banco di vendita erano presenti prodotti ittici decongelati ma venduti per freschi, per un quantitativo pari a circa 70 Kg. Calamari, polpi e tranci di pesce spada venivano venduti al pubblico senza l’apposita etichetta di pesce decongelato.

Il responsabile è stato denunciato. Il pesce, sequestrato penalmente, è stato giudicato idoneo al consumo umano. Inoltre è stato rinvenuto, all’interno di una cella frigo a +4 gradi centigradi, un ingente quantitativo di pesce spada fresco (3 esemplari per un peso totale di 190 Kg) privi dei documenti di rintracciabilità. Anche in questo caso il prodotto rispettava i requisiti di freschezza così come accertato dai veterinari dell’Asp, ed è risultato idoneo al consumo umano. Entrambi i lotti di pesce sono stati donati alla Caritas di Catania. Accanto alla "casa del pesce” c'è un esercizio di gastronomia intestato alla medesima società, in cui non sono state trovate criticità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento