menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lotta al lavoro nero, controlli a tappeto dei carabinieri nella provincia di Catania

Elevate ammende per 13.400 euro e sanzioni amministrative per 38.800 euro; - recuperati contributi INPS per 9.600 euro.I commercianti sospesi hanno ottemperato alle prescrizioni ed hanno regolarizzato i dipendenti in nero, versando sanzioni aggiuntive per un totale di 13.650 euro

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale di Catania, nell’ultima settimana hanno proseguito i controlli aziendali nel capoluogo etneo a Giarre e ad Acireale. I servizi finalizzati al contrasto del lavoro “nero” sono stati svolti nei settori del commercio e dell’edilizia percorrendo in lungo e in largo parte della provincia.

I Carabinieri e gli Ispettori civili del Lavoro hanno  ispezionato 5 aziende e verificato 16 posizioni lavorative, scoperto 7 lavoratori irregolari, sospeso a Giarre l’attività imprenditoriale di un’impresa edile per avere impiegato 1 lavoratore “in nero” su 3 presenti, sospeso ad Acireale l’attività imprenditoriale di un’attività commerciale, gestita da cinesi, per avere impiegato 1 lavoratore irregolare su 5 presenti.

Sospese anche a Catania due attività commerciali (centri estetici) per avere impiegato in entrambi i centri 2 lavoratrici non contrattualizzate su 2 presenti,denunciati alla Procura della Repubblica di Catania 3 titolari di attività imprenditoriali per l’illecito utilizzo di impianti di video sorveglianza, 1 titolare di impresa edile. Elevate ammende per 13.400 euro e sanzioni amministrative per 38.800 euro; - recuperati contributi INPS per 9.600 euro.

I commercianti sospesi hanno ottemperato alle prescrizioni ed hanno regolarizzato i dipendenti in nero, versando sanzioni aggiuntive per un totale di 13.650 euro: dovranno inoltre versare i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori non corrisposti ai 7 lavoratori irregolari. Per tutti i lavoratori in nero, gli imprenditori dovranno corrispondere nei prossimi giorni una maxi sanzione di 4.000 euro per ogni singolo lavoratore scoperto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento