rotate-mobile
Cronaca

Il Covid inizia a rallentare anche in Sicilia: i guariti sono più dei nuovi contagiati

Individuati altri 3.480 casi su poco più di 30 mila tamponi a fronte di oltre 4 mila persone che sono riuscite a mettersi il virus alle spalle. Sempre in calo i ricoverati, ma ci sono altri 19 decessi

Più guariti che contagiati. Altra giornata di numeri "confortanti", anche in Sicilia il virus sembra arretrare. I nuovi casi infatti sono 3.480 su 31.070 tamponi, col tasso di positività che dunque resta all'11%. Continua il trend che vede in calo il numero di ricoverati: nei reparti ordinari infatti sono 18 in meno di ieri (totale 1.112), mentre in terapia intensiva sono 75 (+6) con 13 nuovi ingressi. I decessi sono 19: 5 riferiti a ieri, 7 a mercoledì, due a martedì e altri due al 18 e 20 febbraio.

Altri 4.134 sono invece i guariti, che fanno scendere gli attuali positivi sull'Isola a 231.164 (-390), di questi 229.978 in isolamento domiciliare. I casi divisi per provincia: 1.166 a Palermo, 809 a Catania, 775 a Messina, 444 a Siracusa, 310 a Ragusa, 275 a Trapani, 432 ad Agrigento, 219 a Caltanissetta e 110 a Enna.

Il Covid in Italia

Secondo il bollettino di oggi sono 40.948 i nuovi contagi accertati in Italia nelle ultime 24 ore (ieri poco più di 46 mila), 193 i decessi. Ci sono anche 65.180 guariti. Il numero degli attuali positivi scende di 23.304 unità, arrivando a 1.175.924. Sono 12.693.320 gli italiani contagiati dal Covid dall'inizio della pandemia. I dati sono resi noti dal ministero della Salute nel consueto report che monitora l'andamento della pandemia. Sono stati processati 440.115 tamponi, la positività è quindi al 9,3%.

Sempre meno i pazienti in ospedale con 419 posti letto occupati in meno nei reparti ordinari. Le aree di terapia intensiva registrano un calo di 40 ricoverati (e 58 nuovi ingressi). Restano in isolamento domiciliare 1,16 milioni di pazienti. La regione con il maggior numero di casi odierni è il Lazio con 5.029 contagi, seguita da Lombardia (+4.599), Veneto (+3.578), Campania (+3.536) e Sicilia (+3.480). 

Nelle ultime settimane i dati sono stati confortanti - nel periodo tra il 2 e il 15 febbraio 2022, risultano in calo sia l'Rt sia l'incidenza - e il Paese si avvia al progressivo abbandono delle restrizioni. Allo stesso tempo si moltiplicano gli inviti alla cautela. L'ultimo in ordine di tempo arriva dall'Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari dell'Università Cattolica (Altems): "I dati mostrano un calo dell'incidenza continuo nel tempo da settimane ma è il ritmo di questo calo che sta rallentando". Oltretutto la situazione non è omogenea sul tutto il territorio. 

I numeri del bollettino

  • Nuovi casi: 40.948 (ieri 46.169);
  • Tamponi (antigenici e molecolari): 440.115 (ieri 484.530);
  • Decessi: 193 (ieri 249);
  • Ricoverati con sintomi: -419 totale 11.706 (ieri 12.125);
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: -40 totale 799 (ieri  839);
  • Ingressi del giorno in terapia intensiva: 58 (ieri 56);
  • Attualmente positivi: -23.304 totale 1.175.924 (ieri 1.199.228);
  • Dimessi/Guariti: 65.180 (ieri 69.439);
  • Totale casi: 12.693.320 (ieri 12.651.251);
  • Totale decessi: 154.206 (ieri 154.013).
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Covid inizia a rallentare anche in Sicilia: i guariti sono più dei nuovi contagiati

CataniaToday è in caricamento