Cronaca

I casi positivi nella provincia di Catania sono 453 ( + 48): aumentano i ricoverati

In Sicilia ci sono 1.492 persone positive al coronavirus, 84 più di ieri. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana. Dall'inizio dei controlli i tamponi effettuati sono stati 15.634, di questi sono risultati positivi 1.647 (92 in più rispetto a ieri). I decessi sono al momento 81

Resta Catania la provincia siciliana più colpita dal Coronavirus con 453 casi positivi, 48 in più rispetto a ieri. Nella provincia etnea crescono le persone ricoverate (150, ieri erano 142) e le vittime che raggiungono oggi quota 29, mentre il numero dei guariti resta stabile a 16. Questa la divisione degli attuali positivi nelle altre province: Agrigento, 91 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 62 (18, 4, 4); Enna, 191 (120, 1, 11); Messina, 283 (128, 10, 18); Palermo, 236 (87, 17, 9); Ragusa, 38 (10, 3, 2); Siracusa, 66 (36, 21, 6); Trapani, 72 (26, 0, 1). In Sicilia ci sono 1.492 persone positive al coronavirus, 84 più di ieri. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana. Dall'inizio dei controlli i tamponi effettuati sono stati 15.634, di questi sono risultati positivi 1.647 (92 in più rispetto a ieri). I decessi sono al momento 81.

Il Presidente Musumeci oggi all'Ars

"Rimanere a casa e rimanerci il più possibile è la misura adeguata per limitare il contagio dai soggetti asintomatici". Questa la strada indicata dal governatore siciliano, Nello Musumeci che oggi è intervenuto all'Ars, per uscire fuori dall'emergenza Covd-19.  "L'emergenza Covid-19 ha procurato effetti gravi sul tessuto produttivo e le fasce più deboli in Sicilia: è una emergenza mai vista. E' una congiuntura economica da guerra, non conosciamo durata e contorni. L'emergenza Covid-19 ha procurato effetti gravi sul tessuto produttivo e le fasce più deboli in Sicilia: è una emergenza mai vista. E' una congiuntura economica da guerra, non conosciamo durata e contorni". Così il governatore della Sicilia che ha aggiunto: "Ci attendono ancora giorni difficili, che sapremo affrontare in Sicilia con ferma determinazione, ognuno nel proprio ruolo". Il governatore ha annunciato al Parlamento il ritiro dei documenti contabili e finanziari depositati all'Ars prima dell'emergenza Covid-19 e ha aperto a un confronto con le opposizioni per "una legge di stabilità d'emergenza": a fine aprile scade l'esercizio provvisorio. "Ai cittadini rinnovo l'invito e l'esortazione a rimanere a casa, pur nella comprensibile stanchezza di queste dure settimane, ma guai a dovere vanificare gli sforzi finora compiuti - ha proseguito - Siamo tutti sulla stessa barca nessuno escluso, e uniti ne usciremo bene perché siamo un popolo forgiato a indicibili sacrifici e con questo fardello del passato affrontiamo i prossimi giorni di sacrificio accesi d'amore e illuminati di speranza".

Come leggere i numeri

I numeri vanno letti e interpretati, se si vuole davvero capire come evolve, in positivo o in negativo, un'epidemia. E si rischia di incorrere in particolare in un equivoco, che va spiegato. Quali sono i numeri che vanno analizzati per capire "come sta andando"? Sono prevalentemente due: i decessi, che sono il dato purtroppo più attuale e più correlabile quindi all'andamento della curva epidemica giorno dopo giorno. E poi il numero di casi totali, perché come detto è solo quello che dà conto di aumenti o diminuzioni nei contagi.  Ovviamente è molto importante per tutti anche il numero dei guariti, ma è un dato clinico, non epidemiologico: se ad esempio domani ci fossero 300 nuovi casi e guarissero tutti all'istante, facendo un'ipotesi estrema, pur essendo una splendida notizia non cambierebbe nulla sul piano della curva epidemiologica, che risulterebbe in salita di 300 casi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I casi positivi nella provincia di Catania sono 453 ( + 48): aumentano i ricoverati

CataniaToday è in caricamento