Coronavirus, l'avanzata resta costante: in Sicilia 73 nuovi casi, a Catania +30

In Sicilia il 7,3 per cento delle persone sottoposte al controllo sono risultate positive. A Catania si registrano 30 casi in più, passando dai 456 di ieri pomeriggio agli attuali 486. I casi pazienti ricoverati sono 154, 21 i guariti, 37 le persone decedute

Foto Ansa

Coronavirus, bollettino della Protezione civile sui contagi a Palermo e in Sicilia del 2 aprile 2020

Resta costante il numero di nuovi contagiati in Sicilia: sono altre 73 le persone trovate positive al Coronavirus nelle ultime 24 ore, che fanno arrivare il totale dall'inizio dell'emergenza a 1791. Scende invece il numero dei tamponi effettuati: 992 (ieri erano stati 1204). Dunque ciò significa che il 7,3% delle persone sottoposte al controllo sono risultate positive. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 17.833.

Attualmente sono ancora contagiate 1.606 persone (+62 rispetto a ieri). Perchè nel frattempo 92 sono guarite (+6) e 93 decedute (+5). Sono ricoverati 576 pazienti (+8 rispetto a ieri), di cui 73 in terapia intensiva (+1), mentre 1.030 (+54) sono in isolamento domiciliare. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi (giovedì 2 aprile), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.

Questi i casi di coronavirus riscontrati nelle varie province dell’Isola, aggiornati alle ore 17 di oggi. A Catania si registrano 30 casi in più, passando dai 456 di ieri pomeriggio agli attuali 486. I pazienti ricoverati sono 154 (ieri 153), 21 i guariti (dato invariato), 37 le persone decedute (ieri erano 33).

Questa la divisione degli attuali positivi nelle altre province: Agrigento, 95 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 71 (20, 4, 5); Enna, 226 (133, 1, 11); Messina, 289 (121, 14, 20); Palermo, 250 (78, 23, 9); Ragusa, 40 (9, 3, 2); Siracusa, 71 (36, 24, 6); Trapani, 78 (25, 0, 2).

Musumeci avverte: "No ad atteggiamento di relax"

Una telefonata ai nove prefetti della Sicilia "per invitarli a intensificare la presenza delle forze dell'ordine nelle città e nei centri urbani" è stata annunciata stamattina dal presidente della Regione, Nello Musumec. Il governatore ha auspicato "sanzioni gravissime" nei confronti di chi "è in giro senza avere una motivazione giustificabile".

"Sono molto preoccupato dall'atteggiamento di relax che ha assunto la popolazione del Sud e della Sicilia negli ultimi giorni - ha aggiunto il governatore -. Finora abbiamo osservato le norme e ora c'è una sorta di 'liberi tutti', c'è la errata consapevolezza che il peggio sia passato e che quindi, con il fatalismo tipico di noi meridionali, ci possiamo concedere la passeggiata. Chi fa questo è un irresponsabile. Dobbiamo fare ancora qualche settimana di sacrificio se il picco deve arrivare dobbiamo evitarlo, altrimenti vanifichiamo gli sforzi incredibili di tantissime famiglie che non possono più fare la spesa e che hanno spento persino il frigo perché non hanno più nulla da conservare".

Come leggere i numeri

I numeri vanno letti e interpretati, se si vuole davvero capire come evolve, in positivo o in negativo, un'epidemia. E si rischia di incorrere in particolare in un equivoco, che va spiegato. Quali sono i numeri che vanno analizzati per capire "come sta andando"? Sono prevalentemente due: i decessi, che sono il dato purtroppo più attuale e più correlabile quindi all'andamento della curva epidemica giorno dopo giorno. E poi il numero di casi totali, perché come detto è solo quello che dà conto di aumenti o diminuzioni nei contagi.

Ovviamente è molto importante per tutti anche il numero dei guariti, ma è un dato clinico, non epidemiologico: se ad esempio domani ci fossero 300 nuovi casi e guarissero tutti all'istante, facendo un'ipotesi estrema, pur essendo una splendida notizia non cambierebbe nulla sul piano della curva epidemiologica, che risulterebbe in salita di 300 casi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

Potrebbe interessarti: https://www.palermotoday.it/cronaca/coronavirus-bollettino-contagi-palermo-sicilia-2-aprile-2020.html?fbclid=IwAR19wKB-wAKCLdZ-MJaCcsxoYe_H0lfjaUKr2vr6eYpuYRwW_nO5EThhJjo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, a perdere la vita un motociclista di 39 anni

  • Operazione "Malupassu", gli imprenditori denunciano e i boss finiscono in manette

  • Incidente lungo il viale Mediterraneo: perde la vita un motociclista

  • Traffico di rifiuti, corruzione e concorso esterno in associazione mafiosa: nel mirino la “Sicula Trasporti”

  • Spaccio di cocaina, in manette vigile urbano che girava in "Porsche"

  • Svaligiano casa dei futuri sposi: denunciati i vicini

Torna su
CataniaToday è in caricamento