Coronavirus, controlli dei carabinieri a Catania e provincia: pioggia di multe

Continua l'attività dei carabinieri del Comando provinciale di Catania per il contrasto alla diffusione epidemica da coronavirus. I servizi hanno riguardato, in particolar modo, Acireale, Aci Castello, Paternò, Biancavilla, Caltagirone e Grammichele

Incessante l’attività dei carabinieri del comando provinciale di Catania, durante il fine settimana, volta a garantire il rispetto delle disposizioni ministeriali emanate per il contrasto alla diffusione epidemica da coronavirus in atto, coerentemente con gli indirizzi strategici della Prefettura. I servizi di controllo e sensibilizzazione sono stati eseguiti, di giorno e di notte, anche nella provincia di Catania, in particolar modo ad Acireale, Aci Castello, Paternò, Biancavilla, Caltagirone e Grammichele. Nello specifico, la compagnia dei carabinieri di Caltagirone ha focalizzato i propri servizi nelle fasce pomeridiana e serale, avendo come obiettivo prioritario il controllo dei luoghi dove si concentra la locale movida e quindi dove vi è maggiore aggregazione di ragazzi.

IMG-20201114-WA0019-2

Nel corso degli ultimi giorni, i militari hanno sanzionato, nella zona di piazza Dante, 10 giovani per il mancato uso dei d.p.i.. Inoltre è stato sanzionato un uomo che, nonostante fosse domiciliato in altro Comune, si trovava a Grammichele, a suo dire per richiedere l’elemosina. I militari della compagnia di Paternò hanno invece effettuato degli specifici servizi all’interno del comune di Paternò lungo corso Italia, in piazza Indipendenza, piazza Regina Margherita e su via Vittorio Emanuele. Complessivamente i carabinieri hanno controllato 35 veicoli, identificando 69 persone, delle quali 8 sono state sanzionate per il mancato utilizzo dei d.p.i. o per trovarsi in Comune diverso da quello di domicilio, senza un giustificato motivo. Nel corso del medesimo servizio è stato anche segnalato all’U.T.G. un giovane quale assuntore di sostanze stupefacenti e sono state elevate 7 sanzioni amministrative per la violazione del Codice della Strada, sottoponendo inoltre a sequestro amministrativo un veicolo, poiché sprovvisto della copertura assicurativa. Inoltre nel comune di Biancavilla, i militari della compagnia hanno applicato la sanzione accessoria della chiusura dell’attività per 5 giorni nei confronti di due bar, all’interno dei quali sono stati identificati e sanzionati 8 avventori intenti a consumare bevande ed alimenti. Intensificati anche i servizi sia ad Aci Castello che ad Aci Trezza, dove i militari della compagnia dei carabinieri, nell’ambito degli specifici servizi anti-Covid, hanno sottoposto a controllo 41 veicoli, identificando 83 persone e elevando 11 sanzioni amministrative nei confronti di altrettante persone che, incuranti delle disposizioni in vigore, hanno effettuato spostamenti nell’arco orario dalle 22.00 alle 05.00, o al di fuori del comune di domicilio, senza giustificato motivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento