“Casi sospetti” di coronavirus per due dipendenti degli uffici centrali dell’Asp di Catania

I due dipendenti sono a domicilio e le loro condizioni di salute non destano preoccupazione; non svolgono attività sanitarie e non sono adibiti a servizi di sportello o di contatto diretto con il pubblico

“Caso sospetto” di coronavirus per due dipendenti degli uffici centrali dell’Asp di Catania, come confermato dalla stessa azienda sanitaria. Sono state attivate immediatamente tutte le misure di sanificazione e contenimento previste "anche in armonia con le disposizioni specifiche per gli operatori sanitari di cui al Decreto legge 9 marzo 2020, n. 14", spiegano.

I due dipendenti sono a domicilio e le loro condizioni di salute non destano preoccupazione: non svolgono attività sanitarie e non sono adibiti a servizi di sportello o di contatto diretto con il pubblico.

"La Direzione Strategica è in sede e in piena operatività. Gli Uffici di diretta collaborazione sono attivi e stanno coordinando le attività per l’implementazione di tutte le misure nazionali e regionali per il contenimento e il contrasto del diffondersi del Covid-19. Attivate inoltre modalità di lavoro agile", fanno sapere dall'Asp di Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento