Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Emergenza Coronavirus in Sicilia, medici ed infermieri in prestito dai privati

È una delle decisioni adottate dalla giunta Musumeci. Per l'acquisto delle attrezzature, soprattutto ventilatori e monitor per le unità di terapia intensiva, è stata indicata l'Azienda Cannizzaro di Catania come capofila regionale

Un protocollo d'intesa tra Regione Siciliana e ospedalità privata da sottoscrivere per mettere a disposizione del Servizio sanitario regionale i professionisti che attualmente operano nel privato destinandoli alle strutture pubbliche individuate dal dipartimento Pianificazione strategica dell'assessorato della Salute. È una delle decisioni adottate dalla giunta Musumeci, che ieri si è riunita in video conferenza tra Palermo e Catania e che ha avuto al centro l'emergenza coronavirus.

"Nella manovra varata dalla giunta emerge il processo di unità e compattezza dell'intero sistema sanitario della Sicilia", spiegano dalla presidenza della Regione. Deciso anche il reclutamento di altro personale medico e infermieristico grazie a una procedura urgente per popolare i nuovi Covid-Hospital. Saranno due le aziende di riferimento regionale: il Policlinico 'Martino' di Messina, che si occuperà di arruolare i medici specializzandi e i giovani professionisti, e l'Asp di Palermo per il personale infermieristico e di supporto sanitario. Oggi il Policlinico di Messina pubblicherà un avviso pubblico per la formazione di elenchi di medici disponibili a prestare attività assistenziale nelle Aziende sanitarie della Regione da impiegare per la gestione dell'emergenza coronavirus".

I professionisti saranno inseriti in appositi elenchi che verranno condivisi con le altre Aziende. Non verrà stilata alcuna graduatoria, ma si potrà procedere direttamente alla chiamata a seconda delle esigenze delle varie strutture sanitarie. Gli elenchi saranno aggiornati periodicamente. Sono ammessi alla procedura i medici specialisti, gli specializzandi iscritti all'ultimo e penultimo anno di corso, laureati abilitati all'esercizio della professione e iscritti agli ordini professionali, personale medico collocato in quiescenza.

L'avviso è aperto anche a medici stranieri, abilitati alla professione secondo i rispettivi ordinamenti di provenienza. Per l'acquisto delle attrezzature, soprattutto ventilatori e monitor per le unità di terapia intensiva, è stata indicata l'Azienda Cannizzaro di Catania come capofila regionale. "In dirittura d'arrivo è anche la gara, sempre gestita dal settore Provveditorato dell'Azienda etnea, per i sistemi di monitoraggio dei parametri vitali", si legge in una nota di Palazzo d'Orleans. Si tratta di attrezzature necessarie all'attivazione dei nuovi posti di terapia intensiva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Coronavirus in Sicilia, medici ed infermieri in prestito dai privati

CataniaToday è in caricamento