Coronavirus, Razza: "Nel catanese 113 persone in isolamento fiduciario"

Sono 21 i casi positivi nel territorio in provincia di Catania: sei pazienti sono ricoverati, uno in ventilazione con casco Cpap. Sono persone che hanno avuto contatti con i due cluster, quello di Catania e quello di Misterbianco

L'assessore alla Salute Ruggero Razza ha convocato i giornalisti nella sala del PalaRegione etneo per illustrare le ultime novità sui contagi da Covid19, anche alla luce delle diverse ricostruzioni effettuate negli ultimi giorni e per chiedere ai cittadini di mantenere ancora alta la guardia. "Ho letto sulla stampa nazionale - ha spiegato l'assessore - di una particolare attenzione sulla città e sulla provincia di Catania ed era opportuno evidenziare che i due cluster che si sono verificati tutti per casi di importazione sono stati immediatamente isolati dal Dipartimento della prevenzione, così come sono state isolate molte persone a domicilio in attesa di potere fare un ulteriore screening con il tampone. Ci siamo creati una best practise da seguire ovunque. Quando si evidenzia un caso, un intervento immediato è quindi sempre a cerchi più larghi per risalire ad eventuali altri contatti".

Video | L'intervista all'assessore

Razza ha poi spiegato che sono in totale 113 le persone in isolamento fiduciario tramite il tracciamento dei contatti (contact tracing) e sono in attesa di essere sottoposte ad accertamenti e tamponi. L'assessore ha così illustrato i dati sulla diffusione del Covid19 sul territorio catanese: "Sono 21 i casi positivi nel territorio in provincia di Catania: sei pazienti sono ricoverati, uno in ventilazione con casco Cpap. Sono tutte persone che hanno avuto contatti con i due cluster, quello di Catania con otto persone positive e quello di Misterbianco con quattro persone più due in di un altro comune. Due casi di Misterbianco sono guariti".

Ma come è nato il cluster e quindi il conseguente avvio delle attività di screening e confinamento? Come ha illustrato Razza il tutto è nato dalle procedure disposte dalla Regione. Uno dei soggetti, trovato poi positivo, doveva ricoverarsi ed è stato sottoposto a tampone. Una volta accertata la positività si è proceduto all'azione di ricerca e alla ricostruzione dei contatti. Anche se vi sono casi, come ha denunciato l'assessore, in cui il rispetto dell'isolamento fiduciario è venuto meno: "E' stato segnalato che alcune persone in isolamento andavano fuori, uscivano per comprare le sigarette. Questo non è accettabile". Tutti i casi nel catanese sarebbero comunque d'importazione derivanti in un caso da un contatto con una persona proveniente dal nord Italia e in un altro da una persona proveniente dal Kazakistan.

Poi l'esponente della giunta Musumeci è tornato sulla necessità di prestare attenzione per evitare la propagazione del contagio: "C'è un tema più ampio e generale che riguarda il comportamento dei cittadini che devono capire che, in questa fase di ripartenza delle attività essenziali e dell'economia, non ci possiamo permettere una nuova chiusura".

Razza, infatti, ha lanciato una bordata contro il ministro degli Interni Lamorgese, presente nelle scorse settimane a Lampedusa, sul tema dell'immigrazione: "Il ministro ieri ha detto che hanno fatto 1500 sierologici a Lampedusa. Correggo il dato: la Regione Siciliana ne ha fatti quasi 6000 - tra sierologici e tamponi - in Sicilia sui migranti. E devo dire che probabilmente sarebbe stato più generoso e più corretto da parte del ministro dire che ciò si è verificato solo ed esclusivamente grazie alla collaborazione del sistema sanitario regionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci vuole un po' di rispetto in più - ha concluso l'assessore - ma non solamente nei confronti della Regione, ma anche e soprattutto nei confronti degli operatori della sanità che sono gli stessi ai quali è stato chiesto di salire a bordo della Ocean Viking per andare a prelevare il campione di tampone sugli immigrati alcuni dei quali si sono poi rivelati dei casi positivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento