Coronavirus, tre guariti all'ospedale Garibaldi curati con farmaco sperimentale

I pazienti, che hanno seguito la terapia a base di Tolicizumab, il farmaco utilizzato nella cura dell'artrite, sono stati dimessi oggi dall'ospedale Garibaldi-Nesima

Dopo un ricovero di qualche giorno nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale Garibaldi-Nesima di Catania sono stati dimessi tre ricoverati per Covid 19 curati con una terapia combinata Idrossiclorichina, Lopinar e Azitromicina grazie a procedure attivate dall'assessorato regionale alla Salute. Sono una 60enne, un 63enne e un 77enne che sono tornati oggi a casa nel rispetto di misure di sicurezza condivise con l'Azienda sanitaria provinciale. Due di loro non presentavano un quadro particolarmente complicato, mentre la situazione del 77enne appariva in un primo momento difficile, viste le numerose patologie di cui soffriva l'uomo. "E' una notizia che fa ben sperare per il percorso di guarigione di tutti gli altri pazienti attualmente ricoverati -  fanno sapere dall'ospedale - per alcuni dei quali, quelli con un quadro vitale particolarmente complesso, è stato completato il primo ciclo della terapia sperimentale di Tolicizumab che sta suscitando tanto interesse nel mondo"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento