Corruzione all'Anas, i nomi delle persone condotte in carcere

Il provvedimento è la terza misura adottata dal gip etneo, nell’ambito dell’operazione “Buche d’Oro”,che ha già portato all’emissione di 9 misure restrittive, al controllo di appalti per 4 milioni di euro e all’individuazione di profitti criminali per 500 mila euro

Sono stati tratti in arresto e condotti in carcere:


- Giorgio Gugliotta (cl.1974), dipendente Anas, Capo Nucleo C del Centro di manutenzione D dell’Area Tecnica Compartimentale (diretta dal Geom. Contino che, a sua volta, nei casi incriminati, rispondeva all’Ing. Romano quale rup), competente alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle seguenti arterie stradali: SS 114 Orientale Sicula (dal Km. 54,4 al Km. 92,022 e dal km 105,25 al km 130), SS114dir “Costa Saracena” (dal km 4,6 al km 12), SS 194 (Ragusana, dal km 0,3 al
km 11,7).

- Amedeo Perna (cl.1969), dipendente della “Ifir Tecnologie Stradali.”, società commerciale esercente “costruzione di strade autostrade e piste aeroportuali”, con sede a Milano (MI), con un volume d’affari annuo di oltre un milione di euro.

- Santo Orazio Torrisi (cl.1957), rappresentante legale della “Sicilverde srl”, impresa avente quale oggetto sociale la “cura e manutenzione del paesaggio, compresi parchi e giardini” con sede ad Aci S. Antonio e con un volume d’affari
annuo superiore ai 2 milioni di euro.

- Giuseppe Ciriacono (cl.1968), padre del rappresentante legale della “Ital Costruzioni Group Srl”, esercente “altre attività di costruzione e opere di ingegneria civile” con sede a Caltagirone e con un volume d’affari annuo di circa
500 mila euro.

- Vincenzo Baiamonte (cl.1966), già dipendente della “Safe Roads Srl”, esercente l’attività di “costruzioni edifici residenziali e non residenziali” con sede a Misilmeri , con un volume d’affari annuo superiore ai 2 milioni di euro;
Baiamonte risulta, dal 2019, dipendente della “Truscelli Salvatore Srl”, avente quale oggetto sociale “altre attività di lavori specializzati di costruzione” con sede a Caltanissetta  il cui rappresentante legale, Salvatore Truscelli è stato sottoposto agli arresti domiciliari quale imprenditore corruttore sorpreso dai Finanzieri a consegnare, tra l’altro, negli uffici dell’Anas una tangente di
10 mila euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il provvedimento di oggi, eseguito dalla finanza, è la terza misura adottata dal gip etneo, nell’ambito dell’operazione “Buche d’Oro”, che ha già portato all’emissione di 9 misure restrittive, al controllo di appalti per 4 milioni di euro e all’individuazione di profitti criminali per 500 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento