Corruzione giudiziaria, Impallomeni colto da malore: dopodomani interrogatori Gip

E' accusato di avere favorito aziende dell'imprenditore Giuseppe Virlinzi, 77 anni, anche lui arrestato, in contenziosi con l'Agenzia delle Entrate, per oltre 800mila euro

E' ricoverato nel reparto di cardiologia dell'ospedale Cannizzaro di Catania, perché colto da malore, Filippo Impallomeni, 71 anni, presidente dell'VIII sezione della commissione Tributaria arrestato dalla guardia di finanza per corruzione in atti giudiziari.

GUARDA IL VIDEO

E' accusato di avere favorito aziende dell'imprenditore Giuseppe Virlinzi, 77 anni, anche lui arrestato, in contenziosi con l'Agenzia delle Entrate, per oltre 800mila euro. Secondo l'accusa in cambio avrebbe ottenuto dalla Virauto l'uso in comodato gratuito di una vettura.

La Procura ha nominato un perito medico. Il Gip Marina Rizza ha fissato per dopodomani gli interrogatori di garanzia di Impallomeni, Virlinzi e degli altri due destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere: Giovanni Antonio La Rocca, di 76 anni, e Agostino Micalizio, 47 anni, rispettivamente, storico commercialista e direttore commerciale della Virauto. Un cancelliere di 62 anni, Antonino Toscano, è agli arresti domiciliari per favoreggiamento aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento