Corso Italia, furto con "spaccata" per il negozio Ultimoda

"Un altro episodio preoccupante che denota una volta di più più quanto gli esercizi commerciali siano facili bersaglio dei malviventi" scrive Confesercenti

Nelle prime ore del mattino, in corso Italia, il negozio di abbigliamento Ultimoda ha subìto un furto con spaccata. I ladri hanno sfondato la vetrina per portare via la merce e sono riusciti poco dopo a scappare. Sul posto sono intervenute alcune volanti.

 "Un altro episodio preoccupante che denota una volta di più quanto gli esercizi commerciali siano facili bersaglio dei malviventi ed esposti al rischio di furti e rapine. La situazione impone senza più alcun rimando un presidio del territorio 24 ore su 24, oltre all’adeguamento dell’organico delle forze dell’ordine”. E’ questa la reazione di Confesercenti Catania a seguito della rapina.

"Da troppo tempo ormai la categoria degli esercenti - sostiene il direttore di Confesercenti Catania Salvo Politino - risulta essere tra quelle più esposte al rischio di 'spaccate',rapine, furti e nella peggiore delle ipotesi a dover fare i conti con aggressioni e pestaggi violenti. Situazione che costringe gli operatori ad esercitare la loro attività in una condizione di sicurezza piuttosto precaria, nonostante l’impegno profuso dalle forze dell’ordine".

 Impegno che però secondo Confesercenti è vanificato in buona parte dalla mancanza di un organico di agenti adeguato alle reali esigenze del territorio catanese: “Per il modo in cui è evoluta purtroppo la situazione, siamo a ribadire che occorrerebbe un presidio del territorio 24 ore su 24 da parte delle forze dell’ordine. Esigenza di tutti, commercianti e cittadini che implica quindi un incremento dell’organico di polizia e carabinieri finalizzato ad azioni preventive e concrete contro la criminalità, a partire da un monitoraggio del territorio costante e continuo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

" Ci sorprendono le segnalazioni pervenute da diverse aziende - conclude Confesercenti Catania -, sulle sanzioni che sono state levate alle stesse, in presenza di impianti di videosorveglianza per violazione della privacy dei dipendenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento