Corso Martiri, l'amministrazione promette "più verde e spazi con pubblica funzione"

L’Amministrazione ha ribadito la volontà di discutere del progetto in Consiglio comunale, “espropriato delle sue prerogative” e di rivedere alcune scelte a vantaggio della città. Parnasi, “Non c’è pregiudizio su cubature e spazi pubblici”

“Disponibilità alla collaborazione” è stata espressa dal sindaco di Catania Enzo Bianco durante la riunione tra i rappresentanti dell’Amministrazione e imprenditori e tecnici impegnati nel progetto di risanamento del corso Martiri della Libertà svoltasi nella Sala Giunta di Palazzo degli elefanti.
All’incontro erano presenti per il Comune, oltre al Sindaco, l’assessore all’Urbanistica Salvo Di Salvo, il direttore generale Antonella Liotta, il capo di Gabinetto Massimo Rosso e l’arch. Gabriella Sardella. Dall’altra parte c’erano per la Mca il progettista Mario Cucinella, amministratore, con l’avv. Giulia Floriani, per Parsitalia l’ad Luca Parnasi con l’arch. Katia Palisi, per Istica e Cecos l’ad Aldo Palmeri con l’ing. Dario Consoli e l’avv. Matteo Scuderi e per il Risanamento San Berillo l’ad Concetto Bosco e l’ing. Gabriele Correnti.

“Vi è grande attesa – ha detto il Sindaco - per Corso dei Martiri, che potrebbe diventare un centro direzionale di grande qualità al servizio non solo di Catania ma dell’intera città metropolitana. Occorre non solo costruire, ma generare vita. E questo progetto ha le carte in regola per farlo, anche perché sarebbe per la città l’occasione di chiudere una ferita urbanistica sanguinante e contemporaneamente di far ripartire l’economia catanese. Quel che chiediamo è di rivedere certe scelte all’insegna di una sempre più alta qualità, con un cambiamento delle cubature, una maggior quota di verde e un’incentivazione degli spazi di pubblica fruizione, in una città che muta volto e necessità”.

Bianco ha ricordato di aver inserito nel suo programma elettorale la necessità di portare il progetto di Corso dei Martiri alla valutazione di quel Consiglio comunale “che era stato espropriato delle sue prerogative”. Il Sindaco ha dunque illustrato l’idea di urbanistica partecipata alla quale sono state ispirate le scelte dell’Amministrazione.

“Considero un dovere di democrazia civica – ha detto Bianco – condividere il più importante progetto urbanistico riguardante Catania con il suo Consiglio comunale: anche se questo non dovrà deliberare potrà dare un importante contributo. Le decisioni sono state prese e intendiamorispettarle, anche perché l’impostazione complessiva del Piano ci sembra condivisibile e di grande qualità urbanistica, ma vogliamo migliorarla, questa qualità, a vantaggio della Città. L’Assemblea civica e Catania nel suo complesso hanno dimostrato, nell’iter da noi seguito per l’approvazione del Regolamento edilizio, di saper offrire importanti suggerimenti che sarebbe un peccato non cogliere. Si tratterà naturalmente di una fase consultiva da concludere entro la fine di ottobre recependo elementi qualificati da tradurre in proposte urbanistico-sociali”.    

Riguardo alle cubature, Luca Parnasi ha detto che, da parte dei privati, “Non c’è pregiudizio se si parte dal presupposto della qualità”. E ha proposto di aprire un tavolo di discussione per dar vita a un progetto integrato al quale lavorino insieme lo studio dei progettisti e i tecnici dell’Amministrazione. Tra le cose che si potrebbero rivedere, il numero dei posti riservati al Comune nel parcheggio sotterraneo, considerato troppo esiguo.
Parnasi ha poi sottolineato la necessità di far diventare l’operazione Corso dei Martiri un esempio di come in Italia progetti su larga scala devono e possono essere prodotti. L’imprenditore, parlando anche a nome degli altri, ha sottolineato come il progetto sia cantierabile anche se manca ancora un tassello fondamentale: gli investitori, in particolareinternazionali visto che nel nostro Paese sta venendo a mancare la cultura dello sviluppo immobiliare.
L’ad della Parsitalia ha chiesto però a Bianco certezza sui tempi della burocrazia, senza i quali, “è difficile essere convincenti con gli investitori” e il Sindaco ha risposto ricordando come qui sia nato, su suggerimento di Pasquale Pistorio, lo Sportello per le imprese. Quello che consentì alla Coin di ottenere tutti i permessi per trasformare la vecchia sede della Standa di via Etnea, distrutta da un incendio, in soli 27 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Inoltre – ha aggiunto –, se tutto andrà come da noi auspicato, siamo pronti a dare garanzie sulla tempistica agli investitori”.
Al termine della riunione l’arch. Cucinella ha illustrato al Sindaco e ai partecipanti i dettagli del progetto con l’ausilio di un grande plastico.
“Si tratta di una giornata importantissima  – ha commentato il professionista – perché siè scelto di lavorare per la qualità. È nell’interesse di tutti che Corso dei Martiri diventi un luogo di connessione tra due parti della città e non credo ci saranno difficoltà a recepire la proposta venuta dall’Amministrazione di un allargamento degli spazi con funzione pubblica. Molto interessante anche l’idea di recepire dalla città suggerimenti e idee. E tutti ormai hanno chiaro in mente che questo progetto possiede una forza di rigenerazione potente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento