Corso Sicilia, sequestrate scarpe copiate dai grandi marchi

Un'importante operazione della Polizia Municipale e della Polizia di Stato, nucleo anticontraffazione e antiabusivismo commerciale, si è svolta a Catania nelle zone di corso Sicilia, piazza Grenoble e via Betlemme

Dopo il sequestro avvenuto nel garage di Adrano, un'altra operazione della Polizia Municipale e della Polizia di Stato, nucleo anticontraffazione e antiabusivismo commerciale, si è svolta a Catania nelle zone di corso Sicilia, piazza Grenoble e via Betlemme sfociata con il sequestro di quasi un centinaio di paia scarpe per un notevole valore complessivo, pronte alla vendita.

L’operazione, diretta dal commissario di P.M. Francesco Cacciamo, è stata effettuata con un team composto da agenti della polizia di Stato e della squadra annonaria del corpo di Polizia Municipale che hanno puntato sull’effetto sorpresa, scatenando un tentativo di fuga da parte degli abusivi, la cui maggioranza è stata identificata, e di occultamento della merce in vendita.

Nel corso dell’azione anticontraffazione sono state sequestrate 45 paia di scarpe e 35 scarpe, spaiate, copiate dai grandi marchi del lusso internazionale. All’ intervento della forze dell’ordine, hanno assistito anche operatori commerciali regolari che da tempo chiedono una più incisiva attività delle forze dell'ordine e della polizia Municipale sul territorio per contrastare la presenza sempre più numerosa degli abusivi.

Per contrastare questo fenomeno l'assessore alle Attività Produttive Franz Cannizzo, su disposizione del sindaco Raffaele Stancanelli, ha da tempo avviato un'opera di sensibilizzazione dei cittadini spiegando perché non si deve acquistare merce contraffatta o abusiva. Inoltre, d'intesa con la squadra annonaria della Polizia Municipale e le altre forze dell'ordine, è stata portata avanti senza sosta una forte ed inedita azione di contrasto dell'abusivismo commerciale che la città non ha mai conosciuto in passato.

Alla prima operazione ne è seguita una seconda stavolta nel lungomare di Catania dove la squadra annonaria dei vigili urbani ha operato, con la direzione del commissario Francesco Caccamo e il coordinamento dello stesso assessore Franz Cannizzo. Nel corso della azione, protrattasi fino a notte, sono state sequestrati 600 cd musicali contraffatti, un apparecchio di riproduzione audio, 67 borse contraffatte di marchi del lusso ed anche l'auto dove viaggiavano gli abusivi. " Reitero anche a nome del sindaco l’invito ai catanesi a non acquistare prodotti contraffatti - afferma l'Assessore Franz Cannizzo – per garantire la nostra economia dalla concorrenza sleale e anche la salute dei consumatori, talvolta messa in pericolo da prodotti di composizione e provenienza quantomeno dubbia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento